Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Castello di Belluno

Il Castello di Belluno è oggi nella memoria storica della città grazie ai resti che si possono vedere nei giardini di Piazza Castello, vicino a Piazza Duomo.

A ricordo del Castello, costruito intorno all'anno Mille dal vescovo-conte Giovanni e demolito all'inizio dell'Ottocento, è ancora oggi visibile una lapide sistemata nel 1936 su uno dei muri conservati che così recita:

Questi diruti muri / inopinatamente riapparsi alla luce / uniche vestigia / del vetusto castello / che vide nel luglio del 1509 / la strage e la resa delle orde tedesche / fugate da Bellunesi e Veneziani / volle il Comune conservati / a ricordo dell'antico valore / MCMXXXVI

La Città era inoltre protetta da una cinta muraria molto ampia che dal Trecento cingeva tutto il centro cittadino partendo da Piazza Campitello, con Porta Dojona, fino ad arrivare verso il lembo estremo dello sperone roccioso su cui è costruita Belluno che si chiude con Porta Rugo.

A nord-est il pendio che scendeva verso Borgo Prà e verso il torrente Ardo era dominato da un possente Torrione che ancora oggi è visibile dalle sponde del corso d'acqua.

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!

Castello di Belluno

Le rovine del Castello di Belluno (foto Marta Azzalini)

Il Castello di Belluno è oggi nella memoria storica della città grazie ai resti che si possono vedere nei giardini di Piazza Castello, vicino a Piazza Duomo.

A ricordo del Castello, costruito intorno all'anno Mille dal vescovo-conte Giovanni e demolito all'inizio dell'Ottocento, è ancora oggi visibile una lapide sistemata nel 1936 su uno dei muri conservati che così recita:

Questi diruti muri / inopinatamente riapparsi alla luce / uniche vestigia / del vetusto castello / che vide nel luglio del 1509 / la strage e la resa delle orde tedesche / fugate da Bellunesi e Veneziani / volle il Comune conservati / a ricordo dell'antico valore / MCMXXXVI

La Città era inoltre protetta da una cinta muraria molto ampia che dal Trecento cingeva tutto il centro cittadino partendo da Piazza Campitello, con Porta Dojona, fino ad arrivare verso il lembo estremo dello sperone roccioso su cui è costruita Belluno che si chiude con Porta Rugo.

A nord-est il pendio che scendeva verso Borgo Prà e verso il torrente Ardo era dominato da un possente Torrione che ancora oggi è visibile dalle sponde del corso d'acqua.

Storia

Il maniero venne costruito, si racconta, da Giovanni, vescovo-conte di Belluno vissuto nel X secolo e personaggio che incarnava i due poteri, spirituale e temporale, tanto che la storia vuole che celebrasse le funzioni religiose con la spada appoggiata all'altare.

Il Castello formava un quadrilatero irregolare che seguiva la corona del declivio che ospita la città. Ad ogni angolo una torre che permetteva alle milizie di osservare tutto il territorio circostante a 360 gradi ed un'unica porta, che si trovava in corrispondenza dell'attuale Via Cipro, permetteva l'ingresso al Castello.

All'interno delle mura del Castello erano state costruite le stalle, il deposito di armi e cibo, la casa del castellano, la caserma, le prigioni e la chiesetta di Santa Giuliana.

Alla fine del Trecento, a difesa del Castello, venne posizionata sulla torre nord che dominava l'antica Piazza Campedel, oggi Piazza dei Martiri, una bombarda per difendersi da eventuali attacchi nemici, mentre nel corso del Seicento venne dato il permesso di aprire una porta, l'attuale Porta Dante, chiamata un tempo Porta Ussolo, che era un vero e proprio uscio di servizio per comunicare direttamente con Piazza Campedel.

I primi anni dell'Ottocento vedono pian piano smantellato il Castello, demolendo per prime le mura verso Piazza Duomo ed in seguito le ultime vestigia dell'antico maniero. Al suo posto vennero costruite le prigioni, abbattute poi nel 1834 per lasciare posto al nuovo edificio delle Poste, ancora oggi esistente, progettato dall'architetto bellunese Alberto Alpago Novello insieme al piccolo giardino di Piazza Castello che ospita le vestigia dell'antico maniero.



Modalità di accesso

I resti del Castello si trovano nei giardini di Piazza Castello.


Indirizzo:

Piazza Castello
32100 Belluno