Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Castellum Laebactium

Come ben si può intuire dal nome stesso, l’abitato di Castellavazzo nacque attorno ad un antico fortilizio, il Castellum Laebactium, che permise alla località di assumere una certa importanza.

Pare che l’originaria chiesa dedicata ai Santi Quirico e Giulitta (risalente ai secoli X-XI) sorgesse sui resti del castello, che aveva cessato la propria funzione politica e militare, trasferita presso la fortezza della Gardona. Quest’ultima era un’imponente costruzione eretta nel 1171 dal Vescovo di Belluno Ottone come parte del sistema difensivo della contea di Belluno.

In località Gardona, poco a nord dell’abitato di Castellavazzo, sono tuttora visibili i ruderi della torre, dalla particolarissima pianta triangolare, raggiungibili percorrendo il sentiero che dal cementificio si snoda sopra il tracciato della linea ferroviaria ripercorrendo quella che fu l’antica strada romana. La torre è ciò che rimane dell'antica fortificazione che si estendeva dalle rocce della "Rovesa" al letto del Piave.
Poco distante dai resti si trova anche l’antica cava utilizzata nove secoli fa per la costruzione della fortezza.

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!

Castellum Laebactium

Come ben si può intuire dal nome stesso, l’abitato di Castellavazzo nacque attorno ad un antico fortilizio, il Castellum Laebactium, che permise alla località di assumere una certa importanza.

Pare che l’originaria chiesa dedicata ai Santi Quirico e Giulitta (risalente ai secoli X-XI) sorgesse sui resti del castello, che aveva cessato la propria funzione politica e militare, trasferita presso la fortezza della Gardona. Quest’ultima era un’imponente costruzione eretta nel 1171 dal Vescovo di Belluno Ottone come parte del sistema difensivo della contea di Belluno.

In località Gardona, poco a nord dell’abitato di Castellavazzo, sono tuttora visibili i ruderi della torre, dalla particolarissima pianta triangolare, raggiungibili percorrendo il sentiero che dal cementificio si snoda sopra il tracciato della linea ferroviaria ripercorrendo quella che fu l’antica strada romana. La torre è ciò che rimane dell'antica fortificazione che si estendeva dalle rocce della "Rovesa" al letto del Piave.
Poco distante dai resti si trova anche l’antica cava utilizzata nove secoli fa per la costruzione della fortezza.