Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

La Città

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!

La Città


Cattedrale di San Martino

Cattedrale di San Martino

Belluno
La Cattedrale dedicata al patrono di Belluno, San Martino, insieme alle inimitabili opere d'arte che contiene, è uno dei magnifici edifici di Piazza Duomo, da sempre luogo di unione tra il potere temporale ed il potere spirituale
Chiesa di San Rocco

Chiesa di San Rocco

Belluno
Nella grande e centrale Piazza dei Martiri si individua immediatamente la facciata alta ed elegante della cinquecentesca chiesa di San Rocco costruita in seguito ad un voto a san Rocco fatto dai cittadini bellunesi contro la peste
Chiesa di Santo Stefano

Chiesa di Santo Stefano

Belluno
La quattrocentesca chiesa di Santo Stefano è una delle più affascinanti di Belluno; al suo interno sono conservati tesori d'arte di molti artisti tra cui Andrea Brustolon, Cesare Vecellio, Francesco Frigimelica, Matteo ed Antonio Cesa
Borgo Prà

Borgo Prà

Belluno
Borgo Prà ed i suoi dintornii ospitano tre interessanti chiese: quella dedicata asan Giuseppe, sulla sponda sinistra del torrente Ardo, lungo una ripida salita, la chiesa di San Biagio, sulla sponda destra e quella di San Francesco di Paola
Borgo Piave

Borgo Piave

Belluno
Scendendo dal centro città attraverso l'ingresso sud, Porta Rugo, si raggiunge in pochi minuti l'antico porto sul fiume: Borgo Piave. Qui, oltre a numerosi ed interessanti edifici storici, si trova la chiesa di San Nicolò, patrono degli zattieri
Chiesa di San Pietro

Chiesa di San Pietro

Belluno
L'antico ed originale edificio venne consacrato la prima domenica di agosto del 1326, mentre l’attuale chiesa venne ricostruita nel corso del Settecento ed ospita importanti opere di Andrea Brustolon, Sebastiano Ricci e dello Schiavone