Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Chiesa di San Valentino - Mareson

La Chiesa di San Valentino sorge al centro della frazione di Mareson, nel comune di Zoldo Alto, e la sua realizzazione si deve a Leonardo del fu Nicolò Mascagnino da Mareson, il quale rivolgendosi al vescovo Pietro Barozzi chiese il permesso per l’edificazione di un luogo sacro nel caratteristico paesino.

Naturalmente la Quattrocentesca chiesa subì nel corso degli anni vari restauri e rifacimenti, in particolare per renderla più ampia e accogliente adatta ad accogliere un numero di fedeli sempre maggiore.
È così che l’edificio si arricchisce nel tempo di due altari minori dedicati alla Santa Croce e a Sant’Antonio da Padova, oltre al bell’altar maggiore, opera dell’illustre Brustolon, di un campanile, edificato nel 1765, di un organo di Mario Rizzardini da Pianaz e di numerose opere artistiche realizzate da noti artisti locali.

La chiesa diviene, infine, parrocchiale di Mareson nel 1944.
 

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!

Chiesa di San Valentino - Mareson

La chiesa di San Valentino

La Chiesa di San Valentino sorge al centro della frazione di Mareson, nel comune di Zoldo Alto, e la sua realizzazione si deve a Leonardo del fu Nicolò Mascagnino da Mareson, il quale rivolgendosi al vescovo Pietro Barozzi chiese il permesso per l’edificazione di un luogo sacro nel caratteristico paesino.

Naturalmente la Quattrocentesca chiesa subì nel corso degli anni vari restauri e rifacimenti, in particolare per renderla più ampia e accogliente adatta ad accogliere un numero di fedeli sempre maggiore.
È così che l’edificio si arricchisce nel tempo di due altari minori dedicati alla Santa Croce e a Sant’Antonio da Padova, oltre al bell’altar maggiore, opera dell’illustre Brustolon, di un campanile, edificato nel 1765, di un organo di Mario Rizzardini da Pianaz e di numerose opere artistiche realizzate da noti artisti locali.

La chiesa diviene, infine, parrocchiale di Mareson nel 1944.
 

Opere d'arte

Il presbiterio è costituito da un soffitto a vele elegantemente affrescate ed ospita l’altare maggiore dedicato a San Valentino e opera di Andrea Brustolon, noto artista bellunese.
L’alzata dell’altare è costituito da due nicchie laterali ospitanti le statue di Sant’Antonio Abate e San Francesco d’Assisi, mentre nella parte alta spicca la figura del Cristo glorioso tra quattro angeli.
La pala centrale dell’altare è un’opera eseguita dall’artista veneziano Girolamo Brusaferro e illustra la figura della Madonna con il gioioso Infante e, in primo piano, San Nicolò e San Valentino.

Nella cappella di sinistra è collocato l’altare intitolato alla Santa Croce, nel complesso un’opera scenografica e armoniosa: sulla cimasa spicca la riproduzione della “Deposizione di Cristo”, mentre ai lati della colonne arricchite da un bel decoro vegetamorfo fiorito si possono osservare le figure di San Giovanni Battista e la Maddalena.
La centrale pala è stata eseguita da uno sconosciuto artista di scuola veneziana e rappresenta la Vergine Addolorata tra San Giorgio Papa e San Luigi Gonzaga.

Nella cappella di sinistra è ospitato, invece, l’altare progettato da Jacopo Costantini dove trova collocazione una bella pala attribuita all’artista Nicolò de Barpi, autore anche degli episodi che narrano la vita di Sant’Antonio da Padova che costituiscono il controfondo del dossale.
 



Indirizzo:

Via Mareson
32010 Val di Zoldo loc. Mareson