Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Necropoli paleoveneta di Mel

All'ingresso di Mel, prima di entrare nel centro storico, si trova la Necropoli paleoveneta databile dal VIII al V secolo a.C. Questa “città dei morti”, riscoperta grazie agli scavi iniziati a partire dal 1958, permette di conoscere come i Paleoveneti vivevano e quale era la loro struttura economica e sociale.

Attraverso varie campagne di scavo, sono venute alla luce circa 80 tombe inserite all'interno di 7 circoli formati da lastre di pietra arenaria conficcate nel terreno in posizione verticale. Le ceneri dei defunti venivano riposte in vasi in ceramica o bronzo insieme ad alcuni oggetti di uso quotidiano all'interno di cassette poligonali. Si formavano così una sorta di tomba di famiglia, dato che all’esterno di questi tumuli venivano sepolte le persone che appartenevano allo stesso nucleo famigliare.

I vasi cinerari e tutti gli oggetti che facevano da corredo alle sepolture - ornamenti e utensili - sono esposti nelle sale del Museo civico archeologico che ha sede in Palazzo delle Contesse in Piazza Papa Luciani nel centro storico di Mel.

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!

Necropoli paleoveneta di Mel

All'ingresso di Mel, prima di entrare nel centro storico, si trova la Necropoli paleoveneta databile dal VIII al V secolo a.C. Questa “città dei morti”, riscoperta grazie agli scavi iniziati a partire dal 1958, permette di conoscere come i Paleoveneti vivevano e quale era la loro struttura economica e sociale.

Attraverso varie campagne di scavo, sono venute alla luce circa 80 tombe inserite all'interno di 7 circoli formati da lastre di pietra arenaria conficcate nel terreno in posizione verticale. Le ceneri dei defunti venivano riposte in vasi in ceramica o bronzo insieme ad alcuni oggetti di uso quotidiano all'interno di cassette poligonali. Si formavano così una sorta di tomba di famiglia, dato che all’esterno di questi tumuli venivano sepolte le persone che appartenevano allo stesso nucleo famigliare.

I vasi cinerari e tutti gli oggetti che facevano da corredo alle sepolture - ornamenti e utensili - sono esposti nelle sale del Museo civico archeologico che ha sede in Palazzo delle Contesse in Piazza Papa Luciani nel centro storico di Mel.

Un po’ di storia

I Veneti antichi o Paleoveneti, erano una popolazione indoeuropea che giunse in Italia nord-orientale dopo la metà del II millennio a.C. Grazie ai numerosi scavi archeologici e relativi ritrovamenti, si è potuta ricostruire nel corso degli anni la storia e l'identità di questa popolazione.

I Veneti si stanziarono inizialmente nell'area tra il Lago di Garda ed i Colli Euganei e successivamente si espansero fino ad Adria (RO) verso sud, fino al fiume Tagliamento verso est, mentre i confini settentrionali erano stabiliti naturalmente dai fiumi Adige, Brenta e Piave e dalle Dolomiti.

Contesto geografico

Il territorio di Mel si posiziona al centro della Valbelluna, sulla sponda sinistra del fiume Piave ed è stato, fin dai tempi più antichi, luogo importante di passaggio e collegamento tra il Bellunese e il Trevigiano, protetto e dominato dall'antico Castello di Zumelle.



Orari e accessibilità

La Necropoli si trova all'ingresso di Mel giungendo da Belluno, lungo la Strada Provincia della Sinistra Piave. Per visitare il sito è necessario prenotare la visita.


Indirizzo:

Via Tempietto, 90
32026 Mel

Contatti

Teltel +39 (0)437 544 216

Faxfax +39 (0)437 544 222

Emaile-mail

wwwweb