Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Museo d'arte moderna Mario Rimoldi

Il Museo d’arte moderna dedicato al facoltoso collezionista d’arte Mario Rimoldi è una preziosa realtà museale di Cortina, gestita dalle Regole d’Ampezzo.
Situato nel centro storico della Regina delle Dolomiti, il museo è stato inaugurato nel 1974, quando la moglie di Rimoldi, Rosa Braun, in seguito alla sua morte decise di donare l’interna collezione d’arte alle Regole, perché il pubblico potesse fruire di questa grandiosa ricchezza.

La preziosa collezione di opere d’arte comprende innumerevoli quadri di prestigio appartenenti all’arte italiana (e non solo) del ‘900, che l’appassionato collezionista iniziò ad acquistare a partire dal 1930 circa, grazie anche ad una fitta cerchia di amicizie che lo portarono a viaggiare non solamente in Italia, ma anche all’estero.

Inizialmente il patrimonio di Rimoldi era costituito dalle opere di de Pisis (grande amico e principale autore dei quadri collezionati da Rimoldi), Morandi, Semeghini, Campigli, Rosai, Sironi, Garbari, Severini, Tosi e Guidi.
Nel tempo il collezionista Rimoldi si interessò anche all’arte figurativa e all’ambiente veneto, per spingersi fino a nuovi movimenti creativi che si svilupparono anche fuori da questo territorio.

Il museo è suddiviso in otto sezioni, che ospitano la gran parte delle opere comprese nella ricca collezione di Rimoldi, mentre alcune opere sono destinate a particolari occasioni ed esposizioni del museo.
All’interno della collezione permanente spiccano la Chiesa di Cortina e il Soldatino francese di de Pisis, le Bagnanti di Carena, lo Squero di San Travaso di Semeghini, La zolfara di Guttuso, il San Sebastiano di Garbari, L’île de charmes di Savinio e il Concerto di Campigli.
Da non dimenticare gli interessanti ritratti di Mario Rimoldi ad opera dell'amico Renato Balsamo, e della moglie per mano di Sironi e Campigli.

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!
Museo d‘arte moderna Mario Rimoldi

Museo d'arte moderna Mario Rimoldi

Museo d‘arte moderna Mario Rimoldi

Il Museo d’arte moderna dedicato al facoltoso collezionista d’arte Mario Rimoldi è una preziosa realtà museale di Cortina, gestita dalle Regole d’Ampezzo.
Situato nel centro storico della Regina delle Dolomiti, il museo è stato inaugurato nel 1974, quando la moglie di Rimoldi, Rosa Braun, in seguito alla sua morte decise di donare l’interna collezione d’arte alle Regole, perché il pubblico potesse fruire di questa grandiosa ricchezza.

La preziosa collezione di opere d’arte comprende innumerevoli quadri di prestigio appartenenti all’arte italiana (e non solo) del ‘900, che l’appassionato collezionista iniziò ad acquistare a partire dal 1930 circa, grazie anche ad una fitta cerchia di amicizie che lo portarono a viaggiare non solamente in Italia, ma anche all’estero.

Inizialmente il patrimonio di Rimoldi era costituito dalle opere di de Pisis (grande amico e principale autore dei quadri collezionati da Rimoldi), Morandi, Semeghini, Campigli, Rosai, Sironi, Garbari, Severini, Tosi e Guidi.
Nel tempo il collezionista Rimoldi si interessò anche all’arte figurativa e all’ambiente veneto, per spingersi fino a nuovi movimenti creativi che si svilupparono anche fuori da questo territorio.

Il museo è suddiviso in otto sezioni, che ospitano la gran parte delle opere comprese nella ricca collezione di Rimoldi, mentre alcune opere sono destinate a particolari occasioni ed esposizioni del museo.
All’interno della collezione permanente spiccano la Chiesa di Cortina e il Soldatino francese di de Pisis, le Bagnanti di Carena, lo Squero di San Travaso di Semeghini, La zolfara di Guttuso, il San Sebastiano di Garbari, L’île de charmes di Savinio e il Concerto di Campigli.
Da non dimenticare gli interessanti ritratti di Mario Rimoldi ad opera dell'amico Renato Balsamo, e della moglie per mano di Sironi e Campigli.



Orari e accessibilità

Orari di apertura:  fino al 7 ottobre 10.30-12.30 / 16.00-20.00 lunedì chiuso, eccetto ad Agosto


Aperto/a al pubblico


Indirizzo:

Corso Italia, 69
32043 Cortina d'Ampezzo

Contatti

Teltel +39 0436 866222

Emaile-mail

wwwweb