Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Museo casa Angiul Sai

Questa casa-museo è un bell’esempio di architettura tradizionale del Cadore, resa visitabile dalla Regola di Costalta con l’obiettivo di conservare un aspetto tipico del territorio, il legno.

Tra l’Ottocento e il Novecento tutti gli edifici civili e rurali del Cadore erano tipicamente realizzati in legno, materiale che ha costituito per secoli la ricchezza di questo luogo, ma in seguito al Rifabbrico quasi tutte le strutture furono sostituite con abitazioni in muratura per porre fine ai numerosi e violenti incendi che interessarono buona parte delll'area.

Tuttavia, nella frazione di Costalta di San Pietro di Cadore, è ancora possibile osservare alcuni caratteristici edifici in legno tra cui la Casa Angiul Sai, restaurata e arredata mantenendo tutte le particolarità del XIX e XX secolo e visitabile in tutti i suoi ambienti.

Probabilmente costruita utilizzando il materiale di un edificio esistente collocato più a valle, la struttura presenta una pianta quadrata, scale esterne e ballatoi in legno: una tipica costruzione realizzata con la tecnica del blockbau.

Il percorso “museale” ha inizio con una serie di pannelli esplicativi riguardanti l’architettura di montagna e prosegue con la visita ai diversi ambienti domestici tipici. La casa, completamente in legno, è strutturata su tre piani e divisa in due parti distinte, l’una utilizzata come abitazione e l’altra adibita a struttura rurale con la stalla e il fienile utilizzato ora come originale spazio espositivo per alcune mostre. Interessante la cucina con il tipico focolare aperto al piano terra, mentre al piano superiore trovano spazio le stanze da letto arredate rigorosamente in legno, con biancheria originale dell'Ottocento.

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!
Casa Museo Angiul Sai, veduta esterna dell'abitazione (foto Patrizia Rizzo)
Casa Museo Angiul Sai, ingresso del Museo (foto Patrizia Rizzo)
Casa Museo Angiul Sai, scultura raffigurante il padrone di casa Angiul Sai (foto Patrizia Rizzo)
Casa Museo Angiul Sai, scultura raffigurantela moglie Maria Sai (foto Patrizia Rizzo)
Casa Museo Angiul Sai, la cucina (foto Patrizia Rizzo)
Casa Museo Angiul Sai, suppellettili (foto Patrizia Rizzo)
Casa Museo Angiul Sai, la camera da letto (foto Patrizia Rizzo)
Casa Museo Angiul Sai, particolare della camera da letto con la biancheria ottocentesca (foto Patrizia Rizzo)
Casa Museo Angiul Sai, attrezzi della stalla (foto Patrizia Rizzo)
Casa Museo Angiul Sai, mostraLêgne e Fêgn, ogni bêgn - Legna e fine, ogni ben (foto Patrizia Rizzo)
Casa Museo Angiul Sai, fienagione (foto Patrizia Rizzo)
Casa Museo Angiul Sai, trasporto legname (foto Patrizia Rizzo)

Museo casa Angiul Sai

Casa Museo Angiul Sai, veduta esterna dell'abitazione (foto Patrizia Rizzo)

Questa casa-museo è un bell’esempio di architettura tradizionale del Cadore, resa visitabile dalla Regola di Costalta con l’obiettivo di conservare un aspetto tipico del territorio, il legno.

Tra l’Ottocento e il Novecento tutti gli edifici civili e rurali del Cadore erano tipicamente realizzati in legno, materiale che ha costituito per secoli la ricchezza di questo luogo, ma in seguito al Rifabbrico quasi tutte le strutture furono sostituite con abitazioni in muratura per porre fine ai numerosi e violenti incendi che interessarono buona parte delll'area.

Tuttavia, nella frazione di Costalta di San Pietro di Cadore, è ancora possibile osservare alcuni caratteristici edifici in legno tra cui la Casa Angiul Sai, restaurata e arredata mantenendo tutte le particolarità del XIX e XX secolo e visitabile in tutti i suoi ambienti.

Probabilmente costruita utilizzando il materiale di un edificio esistente collocato più a valle, la struttura presenta una pianta quadrata, scale esterne e ballatoi in legno: una tipica costruzione realizzata con la tecnica del blockbau.

Il percorso “museale” ha inizio con una serie di pannelli esplicativi riguardanti l’architettura di montagna e prosegue con la visita ai diversi ambienti domestici tipici. La casa, completamente in legno, è strutturata su tre piani e divisa in due parti distinte, l’una utilizzata come abitazione e l’altra adibita a struttura rurale con la stalla e il fienile utilizzato ora come originale spazio espositivo per alcune mostre. Interessante la cucina con il tipico focolare aperto al piano terra, mentre al piano superiore trovano spazio le stanze da letto arredate rigorosamente in legno, con biancheria originale dell'Ottocento.



Orari e accessibilità

Orari di apertura:

  • periodo estivo dalle ore 10,00 alle ore 12,00 e dalle ore 15,00 alle ore 18,00
  • su prenotazione

Aperto/a al pubblico


Indirizzo:

Via Stadoan, 12
32040 San Pietro di Cadore loc. Costalta

Contatti

Teltel +39 (0)435 460016

Emaile-mail