Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Museo storico del 7° Reggimento Alpini

Nel Museo storico del 7° Reggimento Alpini trova spazio il materiale recuperato dalla caserma “Salsa” di Belluno e consta di 160 armi, 148 cimeli di varia tipologia, 271 documenti e 33 donazioni private. Tutto è stato posizionato nei locali di Villa Patt di Sedico, ristrutturata dalla Provincia di Belluno.

Attraverso un percorso di quasi un secolo e mezzo di storia, l’allestimento racconta al visitatore la storia del 7° Reggimento Alpini, dalla sua fondazione nel 1887 ad oggi, attraverso fotografie e documenti, armi e reperti raccolti e custoditi nel corso del tempo in quello che fu il “Museo-Sacrario” della caserma “Tommaso Salsa” di Belluno.

Al piano terra sono esposti i numerosi gagliardetti, le divise militari che narrano la trasformazione degli equipaggiamenti nel corso degli anni, le armi ed una teleferica.

Al piano superiore un diorama racconta, con immagini e proclami recitati, la storia militare del 7° Alpini, dalla sua formazione all’inizio della Grande Guerra, dalla guerra in Albania alla ricostruzione del Reggimento nel 1954. Le altre sale sono dedicate alle fotografie, alle targhe e diplomi e ai libri.

Di particolare importanza è l'archivio storico, al cui interno sono conservati documenti originali risalenti alla prima guerra mondiale, album fotografici, cartografie e lucidi dello stesso periodo, ed una pressoché completa raccolta di cartoline militari. All'interno del percorso espositivo si segnala invece la particolarità di alcuni reperti appartenenti alla categoria delle “prede belliche” quali ad esempio armi e paramenti dei Ras abissini, memoria delle guerre coloniali, e altri cimeli databili alla Seconda Guerra Mondiale.

Il Museo ha acquisito inoltre una donazione di lettere di un alpino dal fronte russo, alcune armi abissine, un lembo di terra afghana donata dal 7° Reggimento a memoria dei propri caduti e, sempre dal Reggimento, un cimelio che ricorda il sacrificio dell'alpino Armando Piva nell'attentato di Cima Vallona del 25 giugno del 1967.

Il Museo durante l'anno scolastico offre alle scolaresche laboratori didattici e visite guidate con operatori qualificati.

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!

Museo storico del 7° Reggimento Alpini

Nel Museo storico del 7° Reggimento Alpini trova spazio il materiale recuperato dalla caserma “Salsa” di Belluno e consta di 160 armi, 148 cimeli di varia tipologia, 271 documenti e 33 donazioni private. Tutto è stato posizionato nei locali di Villa Patt di Sedico, ristrutturata dalla Provincia di Belluno.

Attraverso un percorso di quasi un secolo e mezzo di storia, l’allestimento racconta al visitatore la storia del 7° Reggimento Alpini, dalla sua fondazione nel 1887 ad oggi, attraverso fotografie e documenti, armi e reperti raccolti e custoditi nel corso del tempo in quello che fu il “Museo-Sacrario” della caserma “Tommaso Salsa” di Belluno.

Al piano terra sono esposti i numerosi gagliardetti, le divise militari che narrano la trasformazione degli equipaggiamenti nel corso degli anni, le armi ed una teleferica.

Al piano superiore un diorama racconta, con immagini e proclami recitati, la storia militare del 7° Alpini, dalla sua formazione all’inizio della Grande Guerra, dalla guerra in Albania alla ricostruzione del Reggimento nel 1954. Le altre sale sono dedicate alle fotografie, alle targhe e diplomi e ai libri.

Di particolare importanza è l'archivio storico, al cui interno sono conservati documenti originali risalenti alla prima guerra mondiale, album fotografici, cartografie e lucidi dello stesso periodo, ed una pressoché completa raccolta di cartoline militari. All'interno del percorso espositivo si segnala invece la particolarità di alcuni reperti appartenenti alla categoria delle “prede belliche” quali ad esempio armi e paramenti dei Ras abissini, memoria delle guerre coloniali, e altri cimeli databili alla Seconda Guerra Mondiale.

Il Museo ha acquisito inoltre una donazione di lettere di un alpino dal fronte russo, alcune armi abissine, un lembo di terra afghana donata dal 7° Reggimento a memoria dei propri caduti e, sempre dal Reggimento, un cimelio che ricorda il sacrificio dell'alpino Armando Piva nell'attentato di Cima Vallona del 25 giugno del 1967.

Il Museo durante l'anno scolastico offre alle scolaresche laboratori didattici e visite guidate con operatori qualificati.

Web TV Web TV
Emozionati e parti!

Museo storico del 7° Reggimento Alpini
Attraverso un percorso di quasi un secolo e mezzo di storia, l’allestimento racconta al visitatore ...



Orari e accessibilità

Orari di apertura dal 6 maggio al 17 dicembre (chiuso il giorno di Pasqua e il 14 maggio):

  • domenica dalle ore 15,00 alle ore 18,00.

Sarà sempre possibile visitare il museo su prenotazione ed effettuare i laboratori didattici telefonando (con almeno una settimana di anticipo) presso la segreteria del Museo etnografico di Seravella al numero: 0439 438355.


Indirizzo:

Via Villa Patt, 1
32036 Sedico

Contatti

Teltel +39 (0)437 830 75; +39 (0)437 959 162

Emaile-mail

wwwweb