Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Villa Bellati

Villa Bellati domina dall'alto il piccolo borgo di Umìn ed è circondata da un magnifico paesaggio con le Vette Feltrine sullo sfondo.

L'edificio riprende perfettamente i modelli delle tipiche ville venete della pianura, con il corpo centrale più alto rispetto alle due ali laterali e circondata da un grande parco.

La Villa fu voluta da Giovanni Bellati nel Settecento e fu abitata nel corso dei secoli dai discendenti di questa nobile famiglia che si dedicavano agli studi umanistici rinfrancati ed ispirati dalla beltà del luogo.

Il corpo centrale presenta un decoro a bugnato al piano terra, mentre la trifora del primo piano si affaccia su un balcone sovrastato da riquadri geometricamente decorati. Il tutto è chiuso da un timpano con una finestra quadrilobata che dà luce all'interno.

Le ali laterali, più basse dell'edificio centrale, presentano internamente una serie di porte che si aprono una dopo l'altra dando l'impressione di una fuga prospettica.

Nel corso del Novecento la villa venne ceduta dai proprietari per essere adibita a preventorio per giovani ragazzi e dunque alcuni spazi interni ed esterni dell'edificio vennero modificati.

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!

Villa Bellati

Villa Bellati

Villa Bellati domina dall'alto il piccolo borgo di Umìn ed è circondata da un magnifico paesaggio con le Vette Feltrine sullo sfondo.

L'edificio riprende perfettamente i modelli delle tipiche ville venete della pianura, con il corpo centrale più alto rispetto alle due ali laterali e circondata da un grande parco.

La Villa fu voluta da Giovanni Bellati nel Settecento e fu abitata nel corso dei secoli dai discendenti di questa nobile famiglia che si dedicavano agli studi umanistici rinfrancati ed ispirati dalla beltà del luogo.

Il corpo centrale presenta un decoro a bugnato al piano terra, mentre la trifora del primo piano si affaccia su un balcone sovrastato da riquadri geometricamente decorati. Il tutto è chiuso da un timpano con una finestra quadrilobata che dà luce all'interno.

Le ali laterali, più basse dell'edificio centrale, presentano internamente una serie di porte che si aprono una dopo l'altra dando l'impressione di una fuga prospettica.

Nel corso del Novecento la villa venne ceduta dai proprietari per essere adibita a preventorio per giovani ragazzi e dunque alcuni spazi interni ed esterni dell'edificio vennero modificati.

Spazi esterni

Nella seconda metà dell'Ottocento la villa venne trasformata per quanto riguarda gli spazi esterni dal proprietario, Giambattista Bellati, esperto agronomo. Introdusse infatti nuove colture, moderni metodi per la lavorazione della seta e arricchì il giardino con numerose piantagioni.

Di fronte al corpo centrale della villa, leggermente spostata sulla destra, sorge la cappella privata dedicata a San Giuseppe ampliata nel 1703 da Giovanni Bellati come testimonia la lapide inserita in facciata.

Villa Pasole - Berton  »  Villa Tonello - Zampiero  »  Villa Bellati  »  Villa Zugni Tauro de Mezzan  »  Castello di Lusa



Modalità di accesso

Villa di proprietà privata visibile dalla strada.


Indirizzo:

Via Le Case Feltre loc. Umìn