Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Villa Coràulo

Questa antica residenza dominicale fu eretta nel XVII secolo dalla famiglia Coràulo.

L’edificio padronale si presenta come una costruzione molto semplice e con caratteristiche architettoniche legate alla tradizione locale: ha una pianta rettangolare molto allungata e si divide su tre piani.

Le due facciate sono molto simili, come dimostrano anche le finestre delle stanze, rettangolari al pian terreno, centinate al piano nobile, quasi quadrate al sottotetto.

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!

Villa Coràulo

Villa Coràulo, ingresso principale

Questa antica residenza dominicale fu eretta nel XVII secolo dalla famiglia Coràulo.

L’edificio padronale si presenta come una costruzione molto semplice e con caratteristiche architettoniche legate alla tradizione locale: ha una pianta rettangolare molto allungata e si divide su tre piani.

Le due facciate sono molto simili, come dimostrano anche le finestre delle stanze, rettangolari al pian terreno, centinate al piano nobile, quasi quadrate al sottotetto.

Interni

L’interno della villa anticamente presentava decorazioni affrescate settecentesche nei vani delle scale, ma dopo un periodo di abbandono e degrado alla fine degli anni Cinquanta del XX secolo ha subito un radicale intervento di restauro.

Spazi esterni

Tra le peculiarità di questo complesso da notare un pozzo con vera ottagonale in pietra su cui è inciso lo stemma Coràulo e la data 1691, e il parco della villa, veramente singolare per vastità e conformazione naturale.

Il parco è stato creato sfruttando abilmente le risorse naturali, con una straordinaria serie di sistemazioni artificiali di tipo preromantico: lunghi sentieri, ripide scalinate, piccole grotte, spiazzi di sosta con panche e tavoli in pietra e qualche statua da giardino. Benché molto di tutto ciò sia andato perduto, il parco presenta tutt’oggi un ambiente naturale di grande suggestione.

L’ultimo gioiello della villa è la cappella dedicata a San Giuseppe, che al suo interno presenta pareti ritmate da grandi lesene corinzie, dai curiosi capitelli in stucco a due serie compatte di corpose foglie d’acanto, un pavimento in lastre di pietra e una volta interamente affrescata a vivaci colori. All’apice dell’arco trionfale vi è dipinto lo stemma della famiglia Coràulo.

Villa Doglioni  »  Villa Buzzati  »  Villa Coràulo  »  Villa Miari - Fulcis



Modalità di accesso

La Villa è di proprietà privata ed è visibile dalla strada di accesso.