Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Villa Piloni

Villa Piloni si scorge al termine di un lungo viale d'ingresso delimitato da un cancello e anticipato da una lunga strada ghiaiosa che rende ancora più maestoso ed elegante l'accesso.

La parte frontale dell'edificio si apre su un cortile con aiuole ed è costituito dalla struttura principale più alta e da due ali laterali.

La Villa fu voluta dal Odorico Piloni, membro dell'antica famiglia di origini cadorine che si trasferì nel corso del Cinquecento a Belluno costruendo l'omonimo palazzo oggi sede della Provincia, e venne edificata alla fine del Cinquecento come residenza di campagna.

Ristrutturata ampiamente nel Settecento, l'edificio fa parte di una serie di possedimenti della famiglia Piloni, a partire dal terreno che circonda la struttura e dove un tempo sorgeva l'antico castello di Casteldardo, fino alle ville di Cesa di Limana, utilizzata come casino di caccia, e la residenza padronale di Carfagnòi (Trichiana).

Il corpo centrale presenta tre piani sormontati da un alto timpano con tre finestre che si ripetono anche inferiormente ed in particolare sono valorizzate dal balcone a pilastri conici e dai frontoni ricurvi e spezzati.

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!

Villa Piloni

Villa Piloni

Villa Piloni si scorge al termine di un lungo viale d'ingresso delimitato da un cancello e anticipato da una lunga strada ghiaiosa che rende ancora più maestoso ed elegante l'accesso.

La parte frontale dell'edificio si apre su un cortile con aiuole ed è costituito dalla struttura principale più alta e da due ali laterali.

La Villa fu voluta dal Odorico Piloni, membro dell'antica famiglia di origini cadorine che si trasferì nel corso del Cinquecento a Belluno costruendo l'omonimo palazzo oggi sede della Provincia, e venne edificata alla fine del Cinquecento come residenza di campagna.

Ristrutturata ampiamente nel Settecento, l'edificio fa parte di una serie di possedimenti della famiglia Piloni, a partire dal terreno che circonda la struttura e dove un tempo sorgeva l'antico castello di Casteldardo, fino alle ville di Cesa di Limana, utilizzata come casino di caccia, e la residenza padronale di Carfagnòi (Trichiana).

Il corpo centrale presenta tre piani sormontati da un alto timpano con tre finestre che si ripetono anche inferiormente ed in particolare sono valorizzate dal balcone a pilastri conici e dai frontoni ricurvi e spezzati.

Interni

Internamente la villa presenta la tipica struttura suddivisa in tre spazi; l'unica differenza rispetto ai tradizionali accessi dalla sala centrale si trova nella pavimentazione della stanza pavimentata in pietra che precede l'ingresso da cui parte la scala che sale ai piani superiori.

L'edificio presenta poi una serie di saloni passanti collegati tra loro con porte posizionate prospetticamente in asse.

La Villa ospitava la grande e ricca biblioteca della famiglia, resa ancora più importante dalle aggiunte che Odorico Piloni fece alla collezione del corso del Cinquecento. Grande amico di Cesare Vecellio, suo conterraneo, fece dipingere il taglio di alcuni volumi dall'artista cadorino. Solo pochissimi esemplari sono stati ritrovati a seguito della grande vendita di fine Ottocento che disgregò la biblioteca. Alcuni volumi fortunatamente sono stati acquistati dal Comune di Belluno e sono oggi conservati presso la Biblioteca Civica del capoluogo.

Spazi esterni

La Villa si trova in posizione dominante e osserva frontalmente la Valbelluna dando le spalle ai boschi che appartengono al territorio comunale di Trichiana e al torrente Ardo.

Guardando l'edificio si scorge a sinistra un lungo viale alberato che raggiunge il centro di Trichiana e al cui inizio sorge la piccola cappella privata della Villa.

Villa Luzzati  »  Villa Cristini  »  Villa Piloni  »  Villa Piloni  »  Villa Buzzati



Modalità di accesso

La Villa è di proprietà privata ed è visibile dal viale d'accesso.