Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Castello di Alboino

Il Castello di Feltre, meglio conosciuto come Castello di Alboino, secondo ricerche storiche venne costruito su una preesistente torre di vedetta romana dal famoso re longobardo.

Il Castello si posiziona nel punto più alto del Colle ed era completamente cinto da mura con quattro torri angolari, secondo la composizione tradizionale dei manieri presenti in tutta l'area. La torre settentrionale, in corrispondenza della Torre dell'Orologio, era detta Torre delle Polveri e di essa restano solo le fondamenta.

La Torre del Campanon, che ancora oggi domina con la sua altezza l'intero complesso, veniva utilizzata per annunciare, con il suono delle sue campane, l’inizio delle esecuzioni capitali e per comunicare, attraverso segnali di fuoco o fumo, con il Santuario dei Santi Vittore e Corona sul Monte Miesna e con il Col Marcellon, luoghi in cui si rifugiavano gli abitanti in caso di pericolo. Al di sopra della porta d'ingresso al piano terra, sono scolpiti in bassorilievo tre stemmi: quello al centro presenta un castello turrito che è lo stemma della Città. Sulla facciata sud del Campanon era dipinto un leone di San Marco, simbolo della Repubblica di Venezia che governò la città dal 1404 al 1797. La Torre dell'Orologio si affaccia sul sagrato della Chiesa dei Santi Rocco e Sebastiano e su Piazza Maggiore e presenta in cima una particolarità: una mezzaluna di provenienza mediorientale, parte del bottino di guerra dei Veneziani raccolto durante la battaglia di Lepanto del 1571.

L'edificio principale ospita anche una piccola cappella, una cucina e la sala d’armi, dove ancora oggi sono conservati dei bellissimi affreschi, attribuiti al pittore feltrino Lorenzo Luzzo ed alla sua scuola. Lo stesso pittore affrescò il Castello esternamente nel 1518; di questi dipinti oggi rimane solo qualche piccolo lacerto. Il cortile interno presenta un pozzo al Tardo Medioevo costituito da una vasca monolitica. Originariamente si poteva entrare nel Castello attraverso una porta che sovrastava le attuali Fontane Lombardesche costruite nel corso del Quattrocento e si apriva sul lato occidentale della Torre dell’Orologio.

Attualmente il Castello è ben visibile dalle strade che giungono a Feltre oltre che da Piazza Maggiore dove parte la piccola salita che raggiunge l'ingresso del maniero.

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!

Castello di Alboino

Feltre, piazza Maggiore con il castello di Alboino (foto Lorena Viel)

Il Castello di Feltre, meglio conosciuto come Castello di Alboino, secondo ricerche storiche venne costruito su una preesistente torre di vedetta romana dal famoso re longobardo.

Il Castello si posiziona nel punto più alto del Colle ed era completamente cinto da mura con quattro torri angolari, secondo la composizione tradizionale dei manieri presenti in tutta l'area. La torre settentrionale, in corrispondenza della Torre dell'Orologio, era detta Torre delle Polveri e di essa restano solo le fondamenta.

La Torre del Campanon, che ancora oggi domina con la sua altezza l'intero complesso, veniva utilizzata per annunciare, con il suono delle sue campane, l’inizio delle esecuzioni capitali e per comunicare, attraverso segnali di fuoco o fumo, con il Santuario dei Santi Vittore e Corona sul Monte Miesna e con il Col Marcellon, luoghi in cui si rifugiavano gli abitanti in caso di pericolo. Al di sopra della porta d'ingresso al piano terra, sono scolpiti in bassorilievo tre stemmi: quello al centro presenta un castello turrito che è lo stemma della Città. Sulla facciata sud del Campanon era dipinto un leone di San Marco, simbolo della Repubblica di Venezia che governò la città dal 1404 al 1797. La Torre dell'Orologio si affaccia sul sagrato della Chiesa dei Santi Rocco e Sebastiano e su Piazza Maggiore e presenta in cima una particolarità: una mezzaluna di provenienza mediorientale, parte del bottino di guerra dei Veneziani raccolto durante la battaglia di Lepanto del 1571.

L'edificio principale ospita anche una piccola cappella, una cucina e la sala d’armi, dove ancora oggi sono conservati dei bellissimi affreschi, attribuiti al pittore feltrino Lorenzo Luzzo ed alla sua scuola. Lo stesso pittore affrescò il Castello esternamente nel 1518; di questi dipinti oggi rimane solo qualche piccolo lacerto. Il cortile interno presenta un pozzo al Tardo Medioevo costituito da una vasca monolitica. Originariamente si poteva entrare nel Castello attraverso una porta che sovrastava le attuali Fontane Lombardesche costruite nel corso del Quattrocento e si apriva sul lato occidentale della Torre dell’Orologio.

Attualmente il Castello è ben visibile dalle strade che giungono a Feltre oltre che da Piazza Maggiore dove parte la piccola salita che raggiunge l'ingresso del maniero.

Storia

Tra storia e leggenda si narra che il Castello fu edificato nel 570 dal famoso re longobardo Alboino, ma le prime testimonianze documentarie risalgono solo al X-XI secolo. Il Colle delle Capre è il rilievo su cui sorge la cittadella protetta da una cinta muraria che ancora oggi è quasi completamente conservata.

Il Castello subì diverse modifiche nel corso dei secoli: Antonio Cambruzzi, storico feltrino, parla di un restauro agli inizi del Duecento e di un altro nella seconda metà del Cinquecento, quando, a causa di un fulmine, crollarono le campane sfondando i solai fino a terra.

L'attuale campana della Torre è stata fabbricata a Bormio e installata nel 1664; è stata simbolo militare e annunciatrice delle adunanze pubbliche della cittadinanza, tanto che fino al 1970 era suonata per annunciare il consiglio comunale.

Allo stato attuale la Torre del Campanon presenta tre fasi costruttive: il primo stadio, fino a 19 metri di altezza, è di origine protoromanica, il secondo, che va dai 19 ai 25 metri, risale al Tardo Medioevo e l'ultimo, fino a 35 metri, è della seconda metà del Cinquecento. Sono tre stadi di costruzione legati ad altrettanti periodi della storia di Feltre ed in particolare il rifacimento cinquecentesco è collegato al disastroso incendio che distrusse la Città nel 1510.



Modalità di accesso

Il Castello è visitabile esternamente, salendo da Piazza Maggiore lungo Salita Nicolò Ramponi.


Indirizzo:

Salita Nicolò Ramponi
32032 Feltre