Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Fagiolo di Lamon IGP

In tutto il territorio del Bellunese il fagiolo è l'emblema di una produzione agricola di alta qualità; tra tutti spicca il Fagiolo di Lamon IGP (Indicazione Geografica Protetta) ogni anno celebrato nella famosa Festa lamonese a fine settembre.

Piccolo, tondeggiante, bianco-rosato con striature di porpora, è universalmente conosciuto come la migliore qualità del Fagiolo Borlotto, da gustare sia in minestra, sia in insalata. Questo fagiolo, novità per l’Europa, fu portato nel territorio all’inizio del Cinquecento dall’umanista bellunese Pierio Valeriano che lo aveva ricevuto in dono da da Papa Clemente VII a cui a sua volta era stato regalato dal Re di Spagna come novità americana.

Nel Feltrino ed in particolare a Lamon e nel vicino comune di Sovramonte il nuovo fagiolo trovò il clima ideale, sviluppandosi autonomamente e sostituendo pian piano le coltivazioni di fave e piselli. Ancor oggi, in ricordo del Re di Spagna, la varietà più pregiata si chiama Spagnolit anche se non mancano altre tipologie come le Caloneghe, speciali per le zuppe di fagioli.

La tradizionale minestra di fagioli alla lamonese può essere fatta con fagioli freschi o secchi e normalmente è insaporita da lardo, pancetta o cotenna. La cottura, a fuoco lento, è prolungata e dona alla minestra una cremosità particolare.

I Fagioli di Lamon si possono gustare anche in purezza, semplicemente lessanti, uniti alla cipolla e conditi con olio, sale ed aceto, oppure impastati con patate bollite e ritagli fritti di lardo per comporre il cosiddetto Pendolon, tipico cibo dei pastori transumanti.

Il Consorzio di Tutela del Fagiolo di Lamon dal 1993 valorizza questo prodotto ed è nato dalla volontà di alcuni produttori locali per perseguire i seguenti scopi:

Inoltre il Fagiolo di Lamon, insieme alla varietà del Fagiolo Gialèt, sono inseriti nella Carta Qualità del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi.

Nel Bellunese si producono anche altre varietà di pregiati fagioli recentemente rivalutati come i Gialèt o i Solferini, piccoli, gialli, dalla cremosità squisita e delicata o le Mame dell’Alpago, antica coltivazione recentemente recuperata.

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!
Fagioli con cipolla (foto M. Dell'Agnola)
Fagiolo di Lamon (foto Sanson)
Raccolta dei Zalet (foto Archivio Museo Etnografico della Provincia di Belluno e del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi)
Fagiolo Zalet (foto Archivio Museo Etnografico della Provincia di Belluno edel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi)
Fagioli con cipolle bianche

Fagiolo di Lamon IGP

Fagiolo di Lamon IGP (foto Sanson)

In tutto il territorio del Bellunese il fagiolo è l'emblema di una produzione agricola di alta qualità; tra tutti spicca il Fagiolo di Lamon IGP (Indicazione Geografica Protetta) ogni anno celebrato nella famosa Festa lamonese a fine settembre.

Piccolo, tondeggiante, bianco-rosato con striature di porpora, è universalmente conosciuto come la migliore qualità del Fagiolo Borlotto, da gustare sia in minestra, sia in insalata. Questo fagiolo, novità per l’Europa, fu portato nel territorio all’inizio del Cinquecento dall’umanista bellunese Pierio Valeriano che lo aveva ricevuto in dono da da Papa Clemente VII a cui a sua volta era stato regalato dal Re di Spagna come novità americana.

Nel Feltrino ed in particolare a Lamon e nel vicino comune di Sovramonte il nuovo fagiolo trovò il clima ideale, sviluppandosi autonomamente e sostituendo pian piano le coltivazioni di fave e piselli. Ancor oggi, in ricordo del Re di Spagna, la varietà più pregiata si chiama Spagnolit anche se non mancano altre tipologie come le Caloneghe, speciali per le zuppe di fagioli.

La tradizionale minestra di fagioli alla lamonese può essere fatta con fagioli freschi o secchi e normalmente è insaporita da lardo, pancetta o cotenna. La cottura, a fuoco lento, è prolungata e dona alla minestra una cremosità particolare.

I Fagioli di Lamon si possono gustare anche in purezza, semplicemente lessanti, uniti alla cipolla e conditi con olio, sale ed aceto, oppure impastati con patate bollite e ritagli fritti di lardo per comporre il cosiddetto Pendolon, tipico cibo dei pastori transumanti.

Il Consorzio di Tutela del Fagiolo di Lamon dal 1993 valorizza questo prodotto ed è nato dalla volontà di alcuni produttori locali per perseguire i seguenti scopi:

  • distinguere, difendere e tutelare la produzione e il commercio del fagiolo di Lamon e l'uso della sua denominazione;
  • promuovere ogni utile iniziativa, intesa a salvaguardarne la tipicità e le caratteristiche peculiari;
  • propagarne il consumo, agevolarne il commercio e l'esportazione.

Inoltre il Fagiolo di Lamon, insieme alla varietà del Fagiolo Gialèt, sono inseriti nella Carta Qualità del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi.

Nel Bellunese si producono anche altre varietà di pregiati fagioli recentemente rivalutati come i Gialèt o i Solferini, piccoli, gialli, dalla cremosità squisita e delicata o le Mame dell’Alpago, antica coltivazione recentemente recuperata.

I comuni I comuni
Scrigni di perle dolomitiche

Lamon
Lamon si sviluppa sotto la piatta cresta rocciosa del Monte Coppolo e si estende in un ampio ...

Sovramonte
La piana di Sovramonte ha in Sorriva e Servo i due centri principali di un territorio ricco ...

Parchi e riserve Parchi e riserve
Giardini preziosi tra le Dolomiti

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi
La parte più meridionale delle Dolomiti fa parte del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi: un ...