Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Serrai di Sottoguda

I Serrai di Sottoguda sono uno spledido esempio di come la natura sia in grado di plasmare ambienti di rara bellezza. Si tratta di un canyon di circa 2 km, scavato dal torrente Pettorina, che si sviluppa dalla frazione di Sottoguda nel comune di Rocca Pietore a Malga Ciapela, ai piedi della Marmolada.

L'erosione delle rocce provocata dallo scorrere dell'acqua nel corso dei secoli ha portato alla creazione di gole e orridi che sono oggi monumenti naturali di grande suggestione e impatto, da visitare sia in estate che in inverno.
I Serrai prendono il nome dall'espressione dialettale ladina "serrar", che significa chiudere e richiama appunto la particolare conformazione di questa gola stretta le cui pareti verticali sono alte centinaia di metri. Per secoli i Serrai di Sottoguda hanno costituito l’unica via di comunicazione per il Passo Fedaia, mentre oggi rappresentano una splendida riserva naturale.

I Serrai possono essere visitati sia partendo dall'abitato di Sottoguda sia da Malga Ciapela, a piedi oppure con il simpatico trenino attivo nel periodo estivo da giugno a settembre. Lungo la via, asfaltata e quindi facilmente percorribile da tutti, si trovano alcune bellezze naturali e non: la spettacolare cascata di Franzei, la chiesetta di S. Antonio e la Statua della Madonna dei Serrai.

Questa riserva naturale è visitabile anche in inverno, quando le pareti verticali e le cascate ghiacciate regalano uno spettacolo unico, con gli sci oppure con le ciaspe. Nella stagione invernale diventa inoltre un luogo particolarmente interessante per gli amanti dell'ice climbing: le splendide cascate che attraversano le pareti rocciose diventano infatti la migliore palestra naturale per una bella scalata sul ghiaccio.

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!
I Serrai di Sottoguda
Ammirando lo spettacolo naturale dei Serrai di Sottoguda (foto M. Dall'Agnola)
I Serrai di Sottoguda
I Serrai di Sottoguda (foto Martina Tramontin)
I Serrai di Sottoguda

Serrai di Sottoguda

Ammirando lo spettacolo naturale dei Serrai di Sottoguda (foto M. Dall'Agnola)

I Serrai di Sottoguda sono uno spledido esempio di come la natura sia in grado di plasmare ambienti di rara bellezza. Si tratta di un canyon di circa 2 km, scavato dal torrente Pettorina, che si sviluppa dalla frazione di Sottoguda nel comune di Rocca Pietore a Malga Ciapela, ai piedi della Marmolada.

L'erosione delle rocce provocata dallo scorrere dell'acqua nel corso dei secoli ha portato alla creazione di gole e orridi che sono oggi monumenti naturali di grande suggestione e impatto, da visitare sia in estate che in inverno.
I Serrai prendono il nome dall'espressione dialettale ladina "serrar", che significa chiudere e richiama appunto la particolare conformazione di questa gola stretta le cui pareti verticali sono alte centinaia di metri. Per secoli i Serrai di Sottoguda hanno costituito l’unica via di comunicazione per il Passo Fedaia, mentre oggi rappresentano una splendida riserva naturale.

I Serrai possono essere visitati sia partendo dall'abitato di Sottoguda sia da Malga Ciapela, a piedi oppure con il simpatico trenino attivo nel periodo estivo da giugno a settembre. Lungo la via, asfaltata e quindi facilmente percorribile da tutti, si trovano alcune bellezze naturali e non: la spettacolare cascata di Franzei, la chiesetta di S. Antonio e la Statua della Madonna dei Serrai.

Questa riserva naturale è visitabile anche in inverno, quando le pareti verticali e le cascate ghiacciate regalano uno spettacolo unico, con gli sci oppure con le ciaspe. Nella stagione invernale diventa inoltre un luogo particolarmente interessante per gli amanti dell'ice climbing: le splendide cascate che attraversano le pareti rocciose diventano infatti la migliore palestra naturale per una bella scalata sul ghiaccio.