Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Alta Via delle Dolomiti n. 1

L’Alta Via delle Dolomiti n. 1 si snoda lungo un percorso di circa 125 km e 7.300 m di dislivello in salita, costituito da 12 tappe, che collega il Lago di Braies (BZ) con Belluno.

Partendo dall’idilliaco Lago di Braies in Val Pusteria (BZ), si sale ai rifugi Biella, Sennes, Pederù, fino ai rifugi Lavarella e Fanes. Questo tratto del percorso attraversa un grande altopiano lunare e offre visioni mozzafiato sul Monte Cristallo e sulla Croda Rossa d'Ampezzo.

Dal rifugio Fanes per arrivare a Forcella del Lago, si attraversa il desertico passo di Limo e raggiunto l’omonimo lago si percorre la Val di Fanes fino a raggiungere il rifugio Lagazuoi a 2572 m, quota più elevata dell'Alta Via n. 1,  da dove si riparte per raggiungere, passando sotto la parete sud la Tofana di Rozes fino al rifugio Dibona, proseguendo poi verso le Cinque Torri ed il rifugio Nuvolau sulla panoramica vetta dell'omonimo Monte.

Da qui si scende, per la ferrata Ra Gusela, fino al Passo Giau e, dirigendosi poi verso Forcella Ambrizzola ed altre successive forcelle, si raggiunge il rifugio Città di Fiume; lungo questo tratto lo spettacolo che si presenta è straordinario sulla parete nord del magnifico Monte Pelmo una delle vette dolomitiche più spettacolari.

Dal rifugio, percorrendo verso est il sentiero che sale al circo della Val d'Arcia e raggiunta l'omonima forcella, si scende al rifugio Venezia ai piedi del Pelmo. Dal rifugio si prende il sentiero che percorre la base sud del Pelmo per poi scendere verso la località di Pala Favèra e, passando per i rifugi Coldai e Tissi, ci si trova sotto un’altra grandiosa parete dolomitica, quella nord-ovest della Civetta. Si prosegue ora verso il rifugio Vazzoler e da questo, prima percorrendo una mulattiera, poi su sentiero, ci si porta al rifugio Carestiato alle pendici della Moiazza. In breve si giunge al Passo Duran e quindi al rifugio Pramperet, costeggiando il versante ovest del gruppo San Sebastiano-Tamer.

Dopo gli ameni paesaggi ampezzani e le grandiose moli dei monti Pelmo e Civetta, si entra ora in un mondo più aspro e selvaggio, ma non per questo meno affascinante: il territorio del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Dal rifugio Pramperet si prosegue sino al suggestivo altopiano Van di Città e poi si scende al rifugio Pian de Fontana. Sempre seguendo la medesima segnaletica dell'Alta Via n. 1 si giunge alla Forcella la Varetta, a nord della parete dolomitica della Schiara.

Fra la Schiara ed il Monte Pelf si sale alla Forcella del Màrmol, seguendo poi il sentiero sino al bivacco omonimo e da qui, lungo un percorso attrezzato e non facile, si arriva al rifugio VII Alpini scendendo poi facilmente fino a Belluno in circa 4 ore finali di cammino.

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!
Veduta del Rifugio Biella (foto M. Dell'Agnola)
Ai piedi del monte Pelmo (foto M. Dell'Agnola)
Salendo al rifugio Nuvolau con le Cinque Torri (foto M. Dell'Agnola)
Sulla neve tra le Dolomiti (foto M. Dell'Agnola)
Indicazioni sulla roccia per i sentieri CAI 439 e 437 (foto M. Dell'Agnola)
Panorama (foto M. Dell'Agnola)
Enrosadira (foto M. Dell'Agnola)
Distese dolomitiche (foto M. Dell'Agnola)
Tramonto tempestoso (foto M. Dell'Agnola)
Scendendo verso Belluno, indicazioni CAI dei sentieri 501 e 505 (foto M. Dell'Agnola)
Gusela del Vescova' (foto Marta Azzalini)

Alta Via delle Dolomiti n. 1

Panorama (foto M. Dell'Agnola)

L’Alta Via delle Dolomiti n. 1 si snoda lungo un percorso di circa 125 km e 7.300 m di dislivello in salita, costituito da 12 tappe, che collega il Lago di Braies (BZ) con Belluno.

Partendo dall’idilliaco Lago di Braies in Val Pusteria (BZ), si sale ai rifugi Biella, Sennes, Pederù, fino ai rifugi Lavarella e Fanes. Questo tratto del percorso attraversa un grande altopiano lunare e offre visioni mozzafiato sul Monte Cristallo e sulla Croda Rossa d'Ampezzo.

Dal rifugio Fanes per arrivare a Forcella del Lago, si attraversa il desertico passo di Limo e raggiunto l’omonimo lago si percorre la Val di Fanes fino a raggiungere il rifugio Lagazuoi a 2572 m, quota più elevata dell'Alta Via n. 1,  da dove si riparte per raggiungere, passando sotto la parete sud la Tofana di Rozes fino al rifugio Dibona, proseguendo poi verso le Cinque Torri ed il rifugio Nuvolau sulla panoramica vetta dell'omonimo Monte.

Da qui si scende, per la ferrata Ra Gusela, fino al Passo Giau e, dirigendosi poi verso Forcella Ambrizzola ed altre successive forcelle, si raggiunge il rifugio Città di Fiume; lungo questo tratto lo spettacolo che si presenta è straordinario sulla parete nord del magnifico Monte Pelmo una delle vette dolomitiche più spettacolari.

Dal rifugio, percorrendo verso est il sentiero che sale al circo della Val d'Arcia e raggiunta l'omonima forcella, si scende al rifugio Venezia ai piedi del Pelmo. Dal rifugio si prende il sentiero che percorre la base sud del Pelmo per poi scendere verso la località di Pala Favèra e, passando per i rifugi Coldai e Tissi, ci si trova sotto un’altra grandiosa parete dolomitica, quella nord-ovest della Civetta. Si prosegue ora verso il rifugio Vazzoler e da questo, prima percorrendo una mulattiera, poi su sentiero, ci si porta al rifugio Carestiato alle pendici della Moiazza. In breve si giunge al Passo Duran e quindi al rifugio Pramperet, costeggiando il versante ovest del gruppo San Sebastiano-Tamer.

Dopo gli ameni paesaggi ampezzani e le grandiose moli dei monti Pelmo e Civetta, si entra ora in un mondo più aspro e selvaggio, ma non per questo meno affascinante: il territorio del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Dal rifugio Pramperet si prosegue sino al suggestivo altopiano Van di Città e poi si scende al rifugio Pian de Fontana. Sempre seguendo la medesima segnaletica dell'Alta Via n. 1 si giunge alla Forcella la Varetta, a nord della parete dolomitica della Schiara.

Fra la Schiara ed il Monte Pelf si sale alla Forcella del Màrmol, seguendo poi il sentiero sino al bivacco omonimo e da qui, lungo un percorso attrezzato e non facile, si arriva al rifugio VII Alpini scendendo poi facilmente fino a Belluno in circa 4 ore finali di cammino.

Punti di interesse o tappe

I tappa - Dal Lago di Braies (BZ) al Rifugio Biella alla Croda del Becco

  • Dislivello: 900 m in salita, 60 m in discesa
  • Lunghezza: 6 km circa
  • Tempo di percorrenza: 3 ore e 30 minuti
  • Sentiero: n. 1
  • Difficoltà: Tappa Turistica - Escursionistica

II tappa - Dal Rifugio Biella al Rifugio Fanes

  • Dislivello: 565 m in salita, 830 m in discesa
  • Lunghezza: 14 km circa
  • Tempo di percorrenza: 4 ore e 30 minuti
  • Sentiero: n. 6 e 7
  • Difficoltà: Tappa Turistica

III tappa - Dal Rifugio Fanes al Rifugio Lagazuoi

  • Dislivello: 1070 m in salita, 375 m in discesa
  • Lunghezza: 11 km circa
  • Tempo di percorrenza: 5 ore
  • Sentiero: n. 10-11, 20b, 20
  • Difficoltà: Tappa Escursionistica per esperti

IV tappa - Dal Rifugio Lagazuoi al Rifugio Nuvolau

  • Dislivello: 635 m in salita, 810 m in discesa
  • Lunghezza: 15 km circa
  • Tempo di percorrenza: 5 ore e 30 minuti
  • Sentiero: n. 20, 401, 402, 403, 412, 440
  • Difficoltà: Tappa Escursionistica per esperti

V tappa - Dal Rifugio Nuvolau al Rifugio Città di Fiume

  • Dislivello: 260 m in salita, 915 m in discesa
  • Lunghezza: 11 km circa
  • Tempo di percorrenza: 4 ore e 30 minuti
  • Sentiero: n. 438, 443, 436, 458, 467
  • Difficoltà: Tappa Escursionistica per esperti - Escursionistica per esperti con attrezzatura da ferrata nella discesa dal Rifugio Nuvolau al Passo Giau

VI tappa - Dal Rifugio Città di Fiume al Rifugio Venezia e a Pala Favera

  • Dislivello: 580 m in salita, 990 m in discesa
  • Lunghezza: 12 km circa
  • Tempo di percorrenza: 5 ore e 30 minuti
  • Sentiero: n. 480, 472, 474
  • Difficoltà: Tappa Escursionistica - Escursionistica per esperti con attrezzatura da ferrata sul Sentiero Gino Flaibani

VII tappa - Da Palafavera al Rifugio Coldai, al Rifugio Tissi e al Rifugio Vazzoler

  • Dislivello: 850 m in salita, 650 m in discesa
  • Lunghezza: 14 km circa
  • Tempo di percorrenza: 6 ore
  • Sentiero: n. 564, 556, 560 (563)
  • Difficoltà: Tappa Escursionistica

VIII tappa - Dal Rifugio Vazzoler al Rifugio Carestiato

  • Dislivello: 550 m in salita, 430 m in discesa
  • Lunghezza: 8 km circa
  • Tempo di percorrenza: 4 ore
  • Sentiero: n. 555, 554
  • Difficoltà: Tappa Escursionistica

IX tappa - Dal Rifugio Carestiato al Rifugio Sommariva al Pramperét

  • Dislivello: 450 m in salita, 430 m in discesa
  • Lunghezza: 13 km circa
  • Tempo di percorrenza: 5 ore
  • Sentiero: n. 549, (SS 347), 543
  • Difficoltà: Tappa Escursionistica

X tappa - Dal Rifugio Sommariva al Rifugio Pian de Fontana

  • Dislivello: 540 m in salita, 760 m in discesa
  • Lunghezza: 6 km circa
  • Tempo di percorrenza: 3 ore
  • Sentiero: n. 514
  • Difficoltà: Tappa Escursionistica per esperti

XI tappa - Dal Rifugio Pian de Fontana al Bivacco del Marmol

  • Dislivello: 830 m in salita, 195 m in discesa
  • Lunghezza: 6 km circa
  • Tempo di percorrenza: 4 ore
  • Sentiero: n. 514
  • Difficoltà: Tappa Escursionistica per esperti - Escursionistica per esperti con attrezzatura da ferrata lungo il Marmol (I e II grado)

XII tappa - Dal Bivacco del Marmol al Rifugio 7° Alpini, scendendo verso Belluno attraverso località Case Bortot

  • Dislivello: 100 m in salita, 1570 m in discesa fino a Casa Bortot - 1770 m in discesa fino a Bolzano Bellunese - 1900 m in discesa fino a Belluno
  • Lunghezza: 9 km circa
  • Tempo di percorrenza: 5 ore fino alla località Casa Bortot, 7 ore fino a Belluno
  • Sentiero: n. 514, 503, 501
  • Difficoltà: Tappa Escursionistica per esperti - Escursionistica per esperti con attrezzatura da ferrata lungo il Marmol

Altre informazioni

Alta Via delle Dolomiti n. 1
  • Luogo di partenza: Lago di Bràies, Pusterìa (BZ)
  • Luogo di arrivo: Belluno
  • Giorni di percorrenza: 12
  • Lunghezza del percorso: 125 km circa
  • Rifugi lungo il percorso principale: 15
  • Bivacchi lungo il percorso principale: 1
  • Ristori lungo il percorso: 6
  • Tappa più lunga: da Pala Favèra al Rifugio Lagazuòi - VII tappa, tempo di percorrenza - 6 ore
  • Tappa più breve: dal Lago di Bràies al Rifugio Biella - I tappa, tempo di percorrenza - 3 ore e 30 minuti
  • Tempo totale di percorrenza : 57 ore circa
  • Difficoltà: media e alta 
  • Dislivello totale in salita: 7300 m circa
  • Dislivello totale in discesa: 8400 m circa
  • Dislivello massimo in salita: 1070 m, Fanes - Lagazuoi - III tappa
  • Dislivello massimo in discesa: 1900 m, Marmol - Belluno - ultima tappa
  • Quota massima: Rifugio Lagazuoi, 2752 m
  • Quota minima: Belluno, 389 m (località Case Bortot, 568 m)
  • Gruppi dolomitici interessati: 11
  • Periodo apertura rifugi: da giugno a settembre
  • Segnaletica: buona ovunque
  • Periodo consigliato: da fine giugno a fine settembre

Allegati



Periodo consigliato

Da giugno a settembre.


Difficoltà

Media


Caratteristiche del terreno

Misto