Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Arabba - Marmolada

Arabba-Marmolada è il comprensorio più alto delle Dolomiti e offre un insieme di piste per lo sci alpino particolarmente invidiabili, sia per la loro attrattività sportiva, sia per la possibilità di effettuare collegamenti diretti con altri comprensori adiacenti.
Arabba-Marmolada è infatti uno dei punti di passaggio del Sellaronda, celebre giro di quattro passi che si effettua sempre sci ai piedi, per un totale di 500 km. La località è infatti collegata tramite veloci impianti sciistici sia alle vicine Val Badia e Val di Fassa, in un circuito tra i più belli e celebri in Italia e nel mondo.

Le piste di Arabba, servite da ben 31 moderni impianti di risalita per un totale di 63 km e 40 piste, si caratterizzano per alcune eccellenze, tra cui Portavescovo, muro di neve gioia degli sciatori più esperti con piste tecniche lunghe fino a 4 km e con un dislivello anche di 870 m.
La sci area è inserita nel Dolomiti Superski, il carosello di piste più vasto e conosciuto d'Italia, e nel meno ampio comprensorio del Dolomiti Stars, che comprende anche le aree di Alleghe e della Marmolada. Proprio grazie al collegamento con questa montagna, gli amanti degli skitour possono cimentarsi anche nel Giro della Grande Guerra e della Marmolada appunto. Infine, sul Monte Burz si trova il campo scuola dedicato a bambini e inesperti, che possono imparare la tecnica dello sci, assistiti dai maestri della locale scuola sci.

La Marmolada, nota come la regina delle Dolomiti, vanta la pista più alta delle Dolomiti, a 3342 m di altitudine raggiungibile grazie ad un moderno impianto di risalita che conduce fino alla terrazza panoramica sulle montagne Dolomiti UNESCO.
Oltre 12 km di discesa, partendo da Punta Rocca a metri 3270 fino a Malga Ciapela con i suoi 1450 m di altitudine, conducono alla scoperta non solo di una delle piste più frequentate anche per la lunga stagionalità che la Marmolada permette, ma perfino del museo con altitudine maggiore in Europa.
Il Museo della Grande Guerra 1915-18 è un ottimo punto di sosta culturale per gli sciatori e contemporaneamente è visitabile da chiunque, essendo posizionato all’interno della stazione intermedia della funivia, a Punta Serauta.
 

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!
La comodità di una risalita in seggiovia
Il ghiacciaio della Marmolada
Una discesa a capofitto sul ghiacciaio della marmolada (foto M. Dall'Agnola)
Il ghiacciaio della Marmolada
Le piste di Arabba
All'arrivo della funivia della Marmolada
Gli impianti di risalita
Una risalita in elicottero
Il magnifico panorama di Arabba innevato
La funivia della Marmolada che si perde nella nebbia
Ultimi preparativi per la discesa
La marmolada (foto S. Da Rin)
Una panoramica sugli impianti
Il piacere di una discesa sulla Marmolada (foto M. Dell'Agnola)
Qualche trick sulle piste di Arabba (foto F. Tremolada)
Sciando ad Arabba

Arabba - Marmolada

All'arrivo della funivia della Marmolada

Arabba-Marmolada è il comprensorio più alto delle Dolomiti e offre un insieme di piste per lo sci alpino particolarmente invidiabili, sia per la loro attrattività sportiva, sia per la possibilità di effettuare collegamenti diretti con altri comprensori adiacenti.
Arabba-Marmolada è infatti uno dei punti di passaggio del Sellaronda, celebre giro di quattro passi che si effettua sempre sci ai piedi, per un totale di 500 km. La località è infatti collegata tramite veloci impianti sciistici sia alle vicine Val Badia e Val di Fassa, in un circuito tra i più belli e celebri in Italia e nel mondo.

Le piste di Arabba, servite da ben 31 moderni impianti di risalita per un totale di 63 km e 40 piste, si caratterizzano per alcune eccellenze, tra cui Portavescovo, muro di neve gioia degli sciatori più esperti con piste tecniche lunghe fino a 4 km e con un dislivello anche di 870 m.
La sci area è inserita nel Dolomiti Superski, il carosello di piste più vasto e conosciuto d'Italia, e nel meno ampio comprensorio del Dolomiti Stars, che comprende anche le aree di Alleghe e della Marmolada. Proprio grazie al collegamento con questa montagna, gli amanti degli skitour possono cimentarsi anche nel Giro della Grande Guerra e della Marmolada appunto. Infine, sul Monte Burz si trova il campo scuola dedicato a bambini e inesperti, che possono imparare la tecnica dello sci, assistiti dai maestri della locale scuola sci.

La Marmolada, nota come la regina delle Dolomiti, vanta la pista più alta delle Dolomiti, a 3342 m di altitudine raggiungibile grazie ad un moderno impianto di risalita che conduce fino alla terrazza panoramica sulle montagne Dolomiti UNESCO.
Oltre 12 km di discesa, partendo da Punta Rocca a metri 3270 fino a Malga Ciapela con i suoi 1450 m di altitudine, conducono alla scoperta non solo di una delle piste più frequentate anche per la lunga stagionalità che la Marmolada permette, ma perfino del museo con altitudine maggiore in Europa.
Il Museo della Grande Guerra 1915-18 è un ottimo punto di sosta culturale per gli sciatori e contemporaneamente è visitabile da chiunque, essendo posizionato all’interno della stazione intermedia della funivia, a Punta Serauta.