Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Marmolada

Malga Ciapela ai piedi del ghiacciaio della Marmolada è proprio nel cuore delle Dolomiti, rappresenta uno dei più suggestivi paesaggi montani, giacché accanto allo sviluppo turistico ha conservato intatto il proprio magnifico aspetto naturale.

Il Centro di Fondo Malga Ciapela situato a 1450 metri ai piedi della Marmolada accoglie tutti gli appassionati di questa fantastica disciplina con un anello di 7,5 km suddiviso in tre livelli di difficoltà: la pista dell'orso con tecnica libera, la pista delle aquile e quella delle marmotte battute sia per la tecnica libera che classica.

Lo scenario dei dintorni è impareggiabile: dalla profonda gola dei Serrai di Sottoguda, considerata una delle meraviglie delle Alpi venete, e d’inverno paradiso dell’arrampicata su ghiaccio alle emozionanti sensazioni della Marmolada. Qui l'interesse dei visitatori è accresciuto dalla suggestione delle molte testimonianze storiche, come le gallerie i camminamenti della Guerra ’15-18: un coinvolgimento che culmina nella visita al Museo della Grande Guerra, situato a Serauta la prima stazione della funivia, dov’è esposto l’intero armamentario appartenuto ai combattimenti. In tutta l’area il folclore fa rivivere le tradizioni più remote, come quelle portate avanti, nell’ambito del carnevale, dai Matazin: giovani festosi e vivaci, dai lunghi capelli decorati con fiori cartacei, che annunciano il loro passaggio con un sonoro messaggio. La tradizione artigianale si perpetua con la lavorazione del legno, ferro battuto e peltro, attività secolari tramandate di generazione in generazione; tra i vari esemplari della vasta produzione spiccano il gallo cedrone, il picchio e l’aquila. Molti altri sono però i negozi in cui effettuare acquisti di ogni genere, dall’abbigliamento all’oggettistica ai prodotti tipici: sempre con calore e ospitalità. Per chi volesse trascorrere una serata all’insegna della spensieratezza e dell’allegria, non c’è che l’imbarazzo della scelta fra gli alberghi e rifugi raggiungibili in vario modo: con la motoslitta e per i più romantici con la slitta trainata da cavalli. Altre opportunità sono offerte dai pubs e après ski, dov’è possibile incontrare i giovani del gruppo folk, che potrebbero coinvolgere il pubblico nelle loro danze fino a notte fonda.
 

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!

Marmolada

Scorcio sulla Marmolada

Malga Ciapela ai piedi del ghiacciaio della Marmolada è proprio nel cuore delle Dolomiti, rappresenta uno dei più suggestivi paesaggi montani, giacché accanto allo sviluppo turistico ha conservato intatto il proprio magnifico aspetto naturale.

Il Centro di Fondo Malga Ciapela situato a 1450 metri ai piedi della Marmolada accoglie tutti gli appassionati di questa fantastica disciplina con un anello di 7,5 km suddiviso in tre livelli di difficoltà: la pista dell'orso con tecnica libera, la pista delle aquile e quella delle marmotte battute sia per la tecnica libera che classica.

Lo scenario dei dintorni è impareggiabile: dalla profonda gola dei Serrai di Sottoguda, considerata una delle meraviglie delle Alpi venete, e d’inverno paradiso dell’arrampicata su ghiaccio alle emozionanti sensazioni della Marmolada. Qui l'interesse dei visitatori è accresciuto dalla suggestione delle molte testimonianze storiche, come le gallerie i camminamenti della Guerra ’15-18: un coinvolgimento che culmina nella visita al Museo della Grande Guerra, situato a Serauta la prima stazione della funivia, dov’è esposto l’intero armamentario appartenuto ai combattimenti. In tutta l’area il folclore fa rivivere le tradizioni più remote, come quelle portate avanti, nell’ambito del carnevale, dai Matazin: giovani festosi e vivaci, dai lunghi capelli decorati con fiori cartacei, che annunciano il loro passaggio con un sonoro messaggio. La tradizione artigianale si perpetua con la lavorazione del legno, ferro battuto e peltro, attività secolari tramandate di generazione in generazione; tra i vari esemplari della vasta produzione spiccano il gallo cedrone, il picchio e l’aquila. Molti altri sono però i negozi in cui effettuare acquisti di ogni genere, dall’abbigliamento all’oggettistica ai prodotti tipici: sempre con calore e ospitalità. Per chi volesse trascorrere una serata all’insegna della spensieratezza e dell’allegria, non c’è che l’imbarazzo della scelta fra gli alberghi e rifugi raggiungibili in vario modo: con la motoslitta e per i più romantici con la slitta trainata da cavalli. Altre opportunità sono offerte dai pubs e après ski, dov’è possibile incontrare i giovani del gruppo folk, che potrebbero coinvolgere il pubblico nelle loro danze fino a notte fonda.