Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Alpago

Splendido angolo verde all’estremità sud-orientale della provincia di Belluno, l’Alpago offre agli ospiti varie e interessanti opportuni­tà per un piacevole soggiorno in un ambiente naturale e incontaminato. La dolce conca dell’Alpago è un susseguirsi di prati e boschi, di colline e pendii che dal lago di Santa Croce, ideale per pesca, windsurf, kytesurf e vela, si innalzano verso il bosco del Cansiglio, fino all’aspra e frastagliata corona rocciosa delle Prealpi Carniche, col gruppo Col Nudo-Cavallo e le cime dei monti Dolada, Teverone, Col Nudo, Venàl, Messèr, Laste e Cavallo, tutte percorribili con l’Alta Via n. 7, un percorso escursionistico alpino da percorrere a tappe in pochi giorni.

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!

Alpago

Lago di Santa Croce, Cansiglio, Dolada, Cavallo

Splendido angolo verde all’estremità sud-orientale della provincia di Belluno, l’Alpago offre agli ospiti varie e interessanti opportuni­tà per un piacevole soggiorno in un ambiente naturale e incontaminato. La dolce conca dell’Alpago è un susseguirsi di prati e boschi, di colline e pendii che dal lago di Santa Croce, ideale per pesca, windsurf, kytesurf e vela, si innalzano verso il bosco del Cansiglio, fino all’aspra e frastagliata corona rocciosa delle Prealpi Carniche, col gruppo Col Nudo-Cavallo e le cime dei monti Dolada, Teverone, Col Nudo, Venàl, Messèr, Laste e Cavallo, tutte percorribili con l’Alta Via n. 7, un percorso escursionistico alpino da percorrere a tappe in pochi giorni.

Cosa fare

L’Alpago veste tutte le stagioni. La gentil primavera guida alla scoperta di preziosità botaniche nelle riserve che ospitano una ricca varietà di animali. La festosa estate invita a godere la brezza del lago, volando su barca, deltaplano o parapendio, sport d’eccellenza della conca. L’autunno è un’esplosione di colori allietata dal bramito dei cervi che scorazzano liberi sulla piana del Cansglio dove fra pascoli e faggi secolari si pratica il nordic walking o tranquille escursioni in mountain bike. Il silente inverno è il sottofondo ideale per rilassanti escursioni con ciaspe in Cansiglio, Col Indes, Pian Formosa e Malga Cate verso la Val Salatis, sostando negli accoglienti ristori, o sciando sulla piana innevata. L’Alpago: una gioia da godere tutto l’anno.

Le montagne circostanti e le colline sono costellate da itinerari escursionistici che annoverano anche i famosi percorsi delle Alte Vie di Patèra e dei Silenzi. Qui il patrimonio ambientale riveste un enorme valore. Il Cansiglio, la seconda foresta più grande in Italia, con i suoi 5000 ettari di immensi boschi di faggi e abete ospita una fauna molto ricca, dal cervo al gallo cedrone, dall’aquila reale al picchio rosso, e una flora eccezionale rappresentata nel giardino botanico alpino sul Cansiglio (il geranio stellato è tra le specie di maggior prestigio), o le cavità carsiche come quella del “Bus de la Lum” o di alcune torbiere. E i monumenti? Sono oltre 30 gli alberi monumentali di specie arboree diverse a riprova dell’affascinante varietà di ambienti come il lago di Santa Croce, oasi naturalistica con una zona umida particolare, il canneto.

Uno sci… naturale: l’Alpago è una terra dalle profonde tradizioni sportive e la morfo­logia dei rilievi la rende perfetta per la pratica dello scialpinismo: l’attività migliore per godere della montagna e dei suoi spazi in­violati: su questi monti gli appassionati possono trovare pendii ricoperti sino a primavera inoltrata. Da anni qui si svolge una gara di scialpinismo a tecnica classica, la “Transcavallo”, riconosciuta quale competizione di rilievo nel panorama mondiale di questa disciplina.

A 10 km da Tambre, la più elevata stazione turistica della vasta conca dell’Alpago, si trova il centro sciistico del Cansiglio. Vi attendono piste soleggiate, dove si aprono luminose radure con piste divertenti, non eccessivamente impegnative, ideali per chi si voglia avvicinare alla pratica dello sci. In un ambiente di rara tranquillità vi sono anche 7 piste da fondo e più di trenta i chilometri di tracciati di diversa difficoltà che si addentrano in una delle foreste più belle d’Italia.

Divertirsi sulla neve: correre sulla neve? Sì ma col cane. Con lo sleddog vivi un’avventura di altri tempi: eccoti “musher” per un giorno a guida di una slitta trainata dai cani. In Pian Osteria provi diversi percorsi da 2 a 12 km sulle piste sede di gare internazionali. E anche per lo sci nordico tutto diventa più piacevole con l’emozionante skijoring.

Facili, rilassanti e piacevoli sono le passeggiate con le ciaspe tra faggi, abeti e radure. Il comprensorio è ideale anche per le mam­me con bimbi piccoli. Ovunque si trovano itinerari tranquilli, percorribili anche con il passeggino. I vari percorsi battuti e segnalati lungo prati e strade forestali conducono a malghe e agriturismi dove c’è tanto spazio per giocare in mezzo alla natura o seguire le tracce di una lepre o di un capriolo.

Montagna a colori: una montagna da vivere anche dall’alto grazie ad un’apposita scuola che accompagna in sicurezza i voli del parapendio e deltaplano; l’Alpago è infatti luogo ideale come sede di gare a carattere internazionale, nazionale e triveneto del volo libero. Le acque del lago di Santa Croce sono invece perfette per la pratica di numerosi sport acquatici, come la vela, il windsurf e il kitesurf. Scuole e noleggi sono a disposizione sulle sponde del lago per far provare nuove emozioni grazie al vento. Il lago dispone di una spiaggia attrezzata e si possono fare escursioni in barca, si può pescare, passeggiare o gustarsi sulla riva il caldo sole estivo. Vi è spazio anche alle discipline tradizionali come tennis, equitazione e nuoto anche nella nuova piscina di Tambre. E il Cansiglio, in uno scenario davvero incantevole, si propone come luogo favoloso per il Golf con un percorso di 6000 metri e 18 buche.

Sentieri in quota: la corona dei monti dell’Alpago sono attraversati da numerosi sentieri, descritti nelle carte escursionistiche, utilizzando antiche strade che collegano le 35 frazioni, come l’itinerario Alpago Natura, che si sviluppa per 50 km su strade sterrate ed è percorribile a tappe. 100 km sono invece quelli dei percorsi frequentati da cicloturisti e da ciclo escursionisti che dal lago di Santa Croce salgono fino alla foresta del Cansiglio: sentieri che hanno ospitato anche campionati europei di mountain bike.

In un ambiente alpino da sogno, attraverso paesaggi naturali sa­lubri ci aspetta il nordic walking per rigenerare corpo e spirito: nu­merosi sono i tracciati ad anello toccando punti d’interesse non solo naturalistico ma anche storico e culturale come il Santuario della Madonna del Runal e antichi ponti romani!

I comuni I comuni
Scrigni di perle dolomitiche

Alpago
Il comune di Alpago si apre dalla Sella di Fadalto, poco oltre Vittorio Veneto, entrando in ...

Chies d'Alpago
Chies d'Alpago, dominato a nord da una lunga catena montuosa che dal Monte Teverone giunge ...

Tambre
Tambre storicamente è strettamente legato alla foresta demaniale del Cansiglio, antico bosco ...


Allegati





Vivere le Dolomiti


Dormire e mangiare


Dolomiti da vedere


Vacanza attiva


Info

Come arrivare

  • in automobile:
    • da nord: a Bolzano percorrere l’A22 fino allo svincolo Trento Nord, proseguire sulla strada provinciale 235 e sulla strada statale 12 per Trento, immettersi nella strada statale 47 in direzione Feltre, a cui si arriva tramite le strade statali 50 bis e 50
    • da sud: da Venezia autostrada A27 fino all’uscita per il Lago di S.Croce - Alpago oppure da Treviso – Conegliano percorrere la sta­tale 51 e in prossimità del lago di Santa Croce imboccare la strada provinciale n. 423
  • in pullman: da Belluno con linea Dolomitibus
  • in treno:
    • da Venezia per stazione per l’Alpago, si prosegue poi con pullman.
    • da Padova linea per Calalzo di Cadore con cambio a Ponte nelle Alpi oppure linea per Belluno e proseguimento linea per Venezia con fermata alla stazione per l’Alpago oppure da Belluno prose­guimento con pullman.
  • in aereo: gli aeroporti più vicini: Venezia “Marco Polo”, km 82 – Treviso “Anto­nio Canova”, km 64 – Verona “Catullo” km 206 – Innsbruck km 233.