Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Comincio dai 3 (BELLUNO) - Stagione di teatro per le nuove generazioni 2017/2018

“Apparve alle sue spalle un essere mostruoso, che aveva un po’ dell’uomo e un po’ dell’animale e la fissava con occhi fiammeggianti”. Un fitto bosco di alberi alti e scuri i cui rami ricurvi, carezzati dai raggi della luna, formano ombre intricate sul terreno. Laggiù in fondo una luce, un castello e, in alto, una finestra. Dorme una fanciulla dai biondi capelli, dorme e sogna. Sogna artigli e peli ispidi ma anche splendidi principi e luoghi fatati. Lei è Bella. Così bella che tutti la chiamano soltanto: Bella. Ma il castello non è certo il suo, è di Lui. No, non del Principe, ma della Bestia. Così bestia che tutti lo chiamano soltanto: Bestia. La fiaba classica di Bella e Bestia, nella spumeggiante, poetica, divertente versione di Stivalaccio Teatro, incastonata in una bellissima macchina scenica mobile da cui spuntano personaggi e ambienti. Fiaba come luogo del meraviglioso, dell’extra ordinario, dove le grandi passioni dell’uomo prendono vita!
Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!

Comincio dai 3 (BELLUNO) - Stagione di teatro per le nuove generazioni 2017/2018

Teatro
Bella e Bestia “Apparve alle sue spalle un essere mostruoso, che aveva un po’ dell’uomo e un po’ dell’animale e la fissava con occhi fiammeggianti”. Un fitto bosco di alberi alti e scuri i cui rami ricurvi, carezzati dai raggi della luna, formano ombre intricate sul terreno. Laggiù in fondo una luce, un castello e, in alto, una finestra. Dorme una fanciulla dai biondi capelli, dorme e sogna. Sogna artigli e peli ispidi ma anche splendidi principi e luoghi fatati. Lei è Bella. Così bella che tutti la chiamano soltanto: Bella. Ma il castello non è certo il suo, è di Lui. No, non del Principe, ma della Bestia. Così bestia che tutti lo chiamano soltanto: Bestia. La fiaba classica di Bella e Bestia, nella spumeggiante, poetica, divertente versione di Stivalaccio Teatro, incastonata in una bellissima macchina scenica mobile da cui spuntano personaggi e ambienti. Fiaba come luogo del meraviglioso, dell’extra ordinario, dove le grandi passioni dell’uomo prendono vita!


Dove

- Teatro Comunale di Belluno - Piazza Vittorio Emanuele II
Belluno


Quando

Il 19/11/2017
dalle 17:00 alle 18:30


Organizzato da:

Tib Teatro


Contatti

Teltel 0437 950555

Emaile-mail

wwwweb