Concerto in ricordo dello scultore Dante Moro
Musica e concerti
Concerto Falcade 3 gennaio 2019 Come le linee delle sculture di Dante Moro (1933-2009), così profonde, sognanti e slanciate verso l’alto saranno le melodie che ascolteremo nel grande concerto sinfonico del prossimo 3 gennaio, con l’orchestra Dolomiti Symphonia, diretta da Delio Cassetta, e Silvia Tessari al pianoforte. Sede dell’evento: la chiesa parrocchiale di Falcade. La musica classica del Romanticismo europeo sarà protagonista, con il meditativo e affettuoso concerto di Robert Schumann (1810-1856), a volte ruvido e improvvisamente grandioso. L’organico è molto ampio, con timpani, flauti, oboi, clarinetti, fagotti, trombe, archi, e naturalmente il pianoforte, che si esprime con tinte ora virtuosistiche, ora dolcemente cantabili. Ci sarà spazio anche (e soprattutto) per la premiazione della terza edizione del concorso internazionale di composizione Dante Moro. Questo concorso nasce tre anni fa da un’idea della pianista Silvia Tessari: trovare un punto di congiunzione tra nuova musica sinfonica e scultura: raccontare grazie al linguaggio della composizione quello che si prova davanti al legno dell’opera d’arte di Moro. L’idea è da subito apparsa in controtendenza rispetto al panorama contemporaneo: puntare su musica “forte”, nuova, che possa dar voce ai giovani compositori, che possa aiutarli nella crescita della carriera. Un unicum in provincia di Belluno e, così come è strutturato, anche nel panorama nazionale. Quest’anno hanno concorso compositori da tutta Italia (da Napoli a Gorizia), dagli Stati Uniti, dalla Repubblica Ceca. A far parte della giuria internazionale sono stati chiamati sette Maestri (Paolo Troncon, presidente, Claudio Scannavini, Nicola Straffelini, Mario Pagotto, compositori e docenti di conservatori italiani, Dušan Bavdek dell’Accademia di Lubjana, Delio Cassetta direttore d’orchestra, oltre alla pianista Silvia Tessari, direttrice artistica). La graduatoria finale è stata resa pubblica il 7 dicembre 2019. Il primo premio non è stato assegnato (nell’ottica di un concorso che mira non a scegliere semplicemente la miglior partitura ricevuta, ma a premiare uno standard di assoluta eccellenza). Per le qualità molto buone sono però stati assegnati due secondi premi: al pisano Gabriele Caselli, che ha tratto ispirazione dalla scultura “La fanciulla che sorride” di Moro, e a Maria Beatrice Orlando, di Gorizia, con “Ragazza nel vento”. Entrambe le composizioni si potranno ascoltare in prima assoluta mondiale nel concerto del 3 gennaio a Falcade, durante il quale avverrà anche la premiazione. Una menzione speciale è stata inoltre assegnata al veronese Michael Romio, con il brano Riposo in Egitto. Una novità del concerto di quest’anno: tra gli artisti, introdotti dalla voce di Giovanni Soppelsa, ci sarà anche il noto attore Stefano Fregni, che interpreterà dei brevi monologhi scritti da lui, che ci faranno ancora più immergere nella preziosa spiritualità della scultura di Dante Moro e della musica. Si ringraziano fin d’ora i numerosi sostenitori dell’evento: la famiglia Vannini in primis, ideatrice del concerto, le famiglie Faggion, Chiereghin e Fol, la Cassa Rurale Dolomiti di Fassa, Primiero e Belluno, la Cooperativa di consumo, l’hotel Stella Alpina, il gruppo alpini di Falcade, la Ski Area San Pellegrino, l’oreficeria Fontanive, BIM Piave, Renault Dal Pont. Grazie alla parrocchia di Falcade per l’ospitalità. Il concerto gode del patrocinio del Comune di Falcade, della Provincia di Belluno e della Regione Veneto. L’inizio è alle ore 21, ad ingresso libero.

Allegati



Orari e accessibilità
dalle 21:00 alle 23:00
Chiuso/a al pubblico
Contatti
Home Page  |  Concerto in ricordo dello scultore Dante Moro
scatta, posta e tagga
#infodolomiti