Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

La via al Santuario

Il violoncello come oggi lo conosciamo, con l'accordatura e le dimensioni odierne, nasce in Emilia verso la metà del XVII secolo, attraverso l'adozione di alcune significative innovazioni tecniche e soprattutto grazie ad un gruppo di musicisti impegnati nella sperimentazione. Fiorisce un ricco repertorio di musiche per violoncello solo o accompagnato con la più varia destinazione d'uso, dagli assoli posti all'interno dei maestosi brani per il servizio liturgico nella basilica petroniana fino alle danze e ricercari pensati per un'esecuzione intima, tra pochi amici scelti, raccolti in una piccola sala. In questo modo, il violoncello si pone accanto al violino in una affinità elettiva e in un naturale completamento reciproco di sonorità ed espressione. Noi desideriamo riprodurre proprio questa atmosfera di dialogo tra noi e con il pubblico, attraverso un programma tutto giocato tra Bologna e Modena, tra il 1660 e il 1700, a tratti intenso e a tratti elegante, ora tenero, ora impetuoso, ora ironico, ora ingenuo.
Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!

La via al Santuario

Musica e concerti
Basilica-Santuario Il violoncello come oggi lo conosciamo, con l'accordatura e le dimensioni odierne, nasce in Emilia verso la metà del XVII secolo, attraverso l'adozione di alcune significative innovazioni tecniche e soprattutto grazie ad un gruppo di musicisti impegnati nella sperimentazione. Fiorisce un ricco repertorio di musiche per violoncello solo o accompagnato con la più varia destinazione d'uso, dagli assoli posti all'interno dei maestosi brani per il servizio liturgico nella basilica petroniana fino alle danze e ricercari pensati per un'esecuzione intima, tra pochi amici scelti, raccolti in una piccola sala. In questo modo, il violoncello si pone accanto al violino in una affinità elettiva e in un naturale completamento reciproco di sonorità ed espressione. Noi desideriamo riprodurre proprio questa atmosfera di dialogo tra noi e con il pubblico, attraverso un programma tutto giocato tra Bologna e Modena, tra il 1660 e il 1700, a tratti intenso e a tratti elegante, ora tenero, ora impetuoso, ora ironico, ora ingenuo.

Allegati



Dove

Anzù - Basilica-Santuario Ss. Vittore e Corona - Viale Ss. Martiri e Vittore e Corona
Feltre


Quando

Dal 12/08/2018 al 12/08/2018
dalle 18:00 alle 19:30


Organizzato da:

Centro Studi Claviere


Contatti

Emaile-mail

wwwweb