Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Le usanze di San Martino

L’11 novembre è la ricorrenza di San Martino, patrono della città di Belluno e di diversi altri comuni della provincia come Valle e Vigo di Cadore, co-patrono della Diocesi di Belluno-Feltre assieme ai Santi Vittore e Corona.

In tutta l’Italia settentrionale era il giorno in cui scadevano i contratti e gli affitti agrari e quindi “fare San Martino” è diventato sinonimo di “traslocare”, in ricordo degli spostamenti che le famiglie contadine dovevano fare in questa stagione alla ricerca di un nuovo posto di lavoro e di vita.

Nella parte alta della provincia di Belluno la mezzadria e tipologie simili di contratti contadini non esistevano, ma la festa di San Martino era comunque molto sentita come spartiacque nei lavori della campagna e come inizio della stagione invernale.

Rimane ancora oggi, in alcune località, l’usanza per i bambini di visitare le case del paese cantando canzoni e filastrocche inneggianti al santo per ricevere in cambio dolci (un tempo principalmente frutta secca) in onore della generosità di San Martino. 

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!

Le usanze di San Martino

L’11 novembre è la ricorrenza di San Martino, patrono della città di Belluno e di diversi altri comuni della provincia come Valle e Vigo di Cadore, co-patrono della Diocesi di Belluno-Feltre assieme ai Santi Vittore e Corona.

In tutta l’Italia settentrionale era il giorno in cui scadevano i contratti e gli affitti agrari e quindi “fare San Martino” è diventato sinonimo di “traslocare”, in ricordo degli spostamenti che le famiglie contadine dovevano fare in questa stagione alla ricerca di un nuovo posto di lavoro e di vita.

Nella parte alta della provincia di Belluno la mezzadria e tipologie simili di contratti contadini non esistevano, ma la festa di San Martino era comunque molto sentita come spartiacque nei lavori della campagna e come inizio della stagione invernale.

Rimane ancora oggi, in alcune località, l’usanza per i bambini di visitare le case del paese cantando canzoni e filastrocche inneggianti al santo per ricevere in cambio dolci (un tempo principalmente frutta secca) in onore della generosità di San Martino. 

Eventi annuali Eventi annuali
Celebrazioni in grande stile

Benvenuto San Martino
Tradizionale appuntamento per festeggiare il patrono di Belluno, San Martino; le vie e le ...