Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Cibiana di Cadore

Cibiana di Cadore (1005 m) è un caratteristico borgo di montagna situato sulla destra orografica del Fiume Boite, poco distante da Forcella Cibiana, il passo che divide le aree geografiche del Cadore e dello Zoldano.
Meglio conosciuto come il Paese dei Murales, è un museo all’aperto che conserva un patrimonio artistico e architettonico ineguagliabile. Sulle facciate delle case si trovano infatti numerosi affreschi, dipinti in maniera impeccabile da artisti italiani e stranieri, provenienti anche dal Giappone, che hanno dato luogo ad una vera e propria esposizione d’arte all’aperto. Molti anche gli edifici antichi, dislocati principalmente nella frazione di Sotto, risalenti al XVI e XVII secolo; interessante la Chiesa principale del ‘300 e la Chiesetta di San Nicolò a Cibiana di Sotto.

Anticamente, l’economia di questo territorio era legata alla lavorazione del legno e del ferro. L’attività fabbrile di Cibiana di Cadore era molto conosciuta, tanto che gli arnesi e specialmente le chiavi qui prodotte divennero famose non solo in Italia ma anche in alcuni paesi europei.
Il piccolo borgo di montagna è noto anche per le caratteristiche lavorazioni artigianali che la popolazione custodisce gelosamente, tra cui le “scarpete”, ossia le pantofole create con corda e velluto, i “zestoi”, gerle in legno, ma anche bambole in stoffa, scialli di lana e tanti altri oggetti che racchiudono ancora il fascino del passato.

Non solo arte ma anche natura. Cibiana di Cadore si trova infatti circondata dalle vette dolomitiche del Pelmo, dell’Antelao, del Monte Rite e del Monte Penna. Innumerevoli le escursioni adatte ad ogni target: Forcella Cibiana, il Sassolungo e il Monte Rite, dove sorge il noto Museo tra le Nuvole ideato da Reinhold Messner, sono le aree di maggiore interesse, ma è consigliata anche una visita alle vecchie miniere di Vallinferna, Ronzei e Ciarsies, che testimoniano l’antica attività mineraria. Cibiana di Cadore è infine anche punto di passaggio dell’Alta Via delle Dolomiti n.3, il cui percorso si snoda dalla Pusteria alla valle del Piave passando per il Monte Rite, il Sassolungo, le Tovanelle e proseguendo per il Bosconegro e Forcella Bella.
Nella stagione invernale, una suggestiva pista da fondo ad anello, illuminata anche di notte, permette di inoltrarsi alla scoperta delle bellezze naturali del territorio.
 

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!
Cibiana di Cadore
Messner Mountain Museum Dolomites sul Monte Rite (foto G. Maggiolini )
Antelao e il monte Rite (foto Manrico Dell'Agnola)
I Caratteristici Yak che si possono vedere sul Monte Rite (foto A.Lucchetta)

Cibiana di Cadore

Cibiana di Cadore

Cibiana di Cadore (1005 m) è un caratteristico borgo di montagna situato sulla destra orografica del Fiume Boite, poco distante da Forcella Cibiana, il passo che divide le aree geografiche del Cadore e dello Zoldano.
Meglio conosciuto come il Paese dei Murales, è un museo all’aperto che conserva un patrimonio artistico e architettonico ineguagliabile. Sulle facciate delle case si trovano infatti numerosi affreschi, dipinti in maniera impeccabile da artisti italiani e stranieri, provenienti anche dal Giappone, che hanno dato luogo ad una vera e propria esposizione d’arte all’aperto. Molti anche gli edifici antichi, dislocati principalmente nella frazione di Sotto, risalenti al XVI e XVII secolo; interessante la Chiesa principale del ‘300 e la Chiesetta di San Nicolò a Cibiana di Sotto.

Anticamente, l’economia di questo territorio era legata alla lavorazione del legno e del ferro. L’attività fabbrile di Cibiana di Cadore era molto conosciuta, tanto che gli arnesi e specialmente le chiavi qui prodotte divennero famose non solo in Italia ma anche in alcuni paesi europei.
Il piccolo borgo di montagna è noto anche per le caratteristiche lavorazioni artigianali che la popolazione custodisce gelosamente, tra cui le “scarpete”, ossia le pantofole create con corda e velluto, i “zestoi”, gerle in legno, ma anche bambole in stoffa, scialli di lana e tanti altri oggetti che racchiudono ancora il fascino del passato.

Non solo arte ma anche natura. Cibiana di Cadore si trova infatti circondata dalle vette dolomitiche del Pelmo, dell’Antelao, del Monte Rite e del Monte Penna. Innumerevoli le escursioni adatte ad ogni target: Forcella Cibiana, il Sassolungo e il Monte Rite, dove sorge il noto Museo tra le Nuvole ideato da Reinhold Messner, sono le aree di maggiore interesse, ma è consigliata anche una visita alle vecchie miniere di Vallinferna, Ronzei e Ciarsies, che testimoniano l’antica attività mineraria. Cibiana di Cadore è infine anche punto di passaggio dell’Alta Via delle Dolomiti n.3, il cui percorso si snoda dalla Pusteria alla valle del Piave passando per il Monte Rite, il Sassolungo, le Tovanelle e proseguendo per il Bosconegro e Forcella Bella.
Nella stagione invernale, una suggestiva pista da fondo ad anello, illuminata anche di notte, permette di inoltrarsi alla scoperta delle bellezze naturali del territorio.
 





Dormire e mangiare


Dolomiti da vedere