Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Perarolo di Cadore

Poco prima di Valle di Cadore, laddove confluiscono il Boite e la Piave, si trova il piccolo borgo di Perarolo di Cadore (532 m).
Le sue origini risalgono al ‘300 quando, grazie all’attività del commercio del legname, iniziarono a stanziarsi le prime popolazioni. Il mercato del legname, sviluppato sotto il dominio della Serenissima, è stata una grande fonte di ricchezza per questo territorio: in passato, la sua posizione strategica, alla confluenza dei due fiumi, lo portarono ad essere un’importante stazione di passaggio, ove i tronchi che fluitavano da nord venivano fermati grazie al cidolo, un apposito sbarramento, e caricati in zattere per proseguire il viaggio verso Venezia.
Verso la fine dell’Ottocento iniziò a svilupparsi anche l’industria dell’occhiale che continua tuttora a impegnare diverse attività legate al prodotto.

Tra le vie del piccolo borgo si possono trovare alcune architetture di notevole interesse culturale ed artistico, tra cui Casa dei Trofei, un palazzo ottocentesco che ospita il Museo del Cidolo e del Legname, e Palazzo Lazzaris, dimora nella quale soggiornarono la Regina Margherita e il Principe di Napoli. Curioso a tal proposito lo slogan riportato nelle vecchie cartoline del posto: “Perarolo – Villa Reale”, a sottolineare l’importanza della cittadina come centro di villeggiatura per alcuni reali d’Italia.
Al centro del paese merita una visita la Chiesa dedicata a San Nicola Vescovo, fondata nel 1407 e nella quale sono conservate alcune opere di Tomaso Da Rin e Giuseppe Ghedina. Nella chiesa di S.Rocco si può ammirare un'opera di Francesco Vecellio, fratello del Tiziano.

Situato alle pendici dei Monti Zucco, Dubiea e delle Pale di Roda, Perarolo è una zona adatta ad escursioni e passeggiate alla scoperta della natura circostante. Un’area ricca di vegetazione e fauna è la Val Montina, inclusa tra le aree wilderness italiane per il suo caratteristico ambiente selvaggio e incontaminato.
Anche Perarolo, come tutta la zona circostante, fu teatro di guerra durante la Prima Guerra Mondiale: un’escursione in Col Vaccher permette infatti di visitare i resti di una fortificazione militare.
 

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!
I tradizionali utensili per la lavorazione del legno
I tradizionali utensili per la lavorazione del legno
La ricostruzione di uno zattiere al Museo del Cidolo
I tradizionali utensili per la lavorazione del legno

Perarolo di Cadore

Museo del Cidolo

Poco prima di Valle di Cadore, laddove confluiscono il Boite e la Piave, si trova il piccolo borgo di Perarolo di Cadore (532 m).
Le sue origini risalgono al ‘300 quando, grazie all’attività del commercio del legname, iniziarono a stanziarsi le prime popolazioni. Il mercato del legname, sviluppato sotto il dominio della Serenissima, è stata una grande fonte di ricchezza per questo territorio: in passato, la sua posizione strategica, alla confluenza dei due fiumi, lo portarono ad essere un’importante stazione di passaggio, ove i tronchi che fluitavano da nord venivano fermati grazie al cidolo, un apposito sbarramento, e caricati in zattere per proseguire il viaggio verso Venezia.
Verso la fine dell’Ottocento iniziò a svilupparsi anche l’industria dell’occhiale che continua tuttora a impegnare diverse attività legate al prodotto.

Tra le vie del piccolo borgo si possono trovare alcune architetture di notevole interesse culturale ed artistico, tra cui Casa dei Trofei, un palazzo ottocentesco che ospita il Museo del Cidolo e del Legname, e Palazzo Lazzaris, dimora nella quale soggiornarono la Regina Margherita e il Principe di Napoli. Curioso a tal proposito lo slogan riportato nelle vecchie cartoline del posto: “Perarolo – Villa Reale”, a sottolineare l’importanza della cittadina come centro di villeggiatura per alcuni reali d’Italia.
Al centro del paese merita una visita la Chiesa dedicata a San Nicola Vescovo, fondata nel 1407 e nella quale sono conservate alcune opere di Tomaso Da Rin e Giuseppe Ghedina. Nella chiesa di S.Rocco si può ammirare un'opera di Francesco Vecellio, fratello del Tiziano.

Situato alle pendici dei Monti Zucco, Dubiea e delle Pale di Roda, Perarolo è una zona adatta ad escursioni e passeggiate alla scoperta della natura circostante. Un’area ricca di vegetazione e fauna è la Val Montina, inclusa tra le aree wilderness italiane per il suo caratteristico ambiente selvaggio e incontaminato.
Anche Perarolo, come tutta la zona circostante, fu teatro di guerra durante la Prima Guerra Mondiale: un’escursione in Col Vaccher permette infatti di visitare i resti di una fortificazione militare.
 





Dormire e mangiare


Dolomiti da vedere


Info