Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

San Pietro di Cadore

Il comune di San Pietro di Cadore sorge a 1038 m di altitudine tra Santo Stefano di Cadore, San Nicolò Comelico e Austria, circondato dalle vette del Monte Terza Piccola, del Monte Curie, del Monte Zovo e del Peralba, ove sgorga il fiume Piave.
Suddiviso in quattro principali frazioni (Mare, Valle, Presenaio e Costalta), era in passato denominato Colle, probabilmente perché collocato su di un territorio collinare, oppure Oltrerino in quanto sede del Centenaro dell'Oltrerino, a significare che si trova oltre il rio, il Piave di Visdende detto anche Cordevole.

Ospita una delle più belle ville del Cadore e della provincia di Belluno, Villa Poli de Pol, appartenente all’omonima famiglia che la fece costruire nel XVII secolo, attualmente sede del Municipio ove si può trovare un bel ciclo di affreschi di Girolamo Pellegrini. Altra attrattiva è l’antichissima Chiesa di S. Pietro Apostolo, in stile gotico e risalente al ‘200.
Nella piccola frazione di Valle, distrutta da un incendio nel 1869 e in seguito ricostruita, merita una visita la chiesetta di S. Pietro, mentre a Presenaio, situato lungo la strada verso Sappada, è situata la graziosa chiesetta quattrocentesca di S. Volfango o S.Bolfo e vi si possono trovare interessanti testimonianze delle attività minerarie del passato.
Il paese di Costalta, il paese di legno, è collocato alle pendici di una montagna, più a nord rispetto alle altre frazioni, in un piccolo terrazzamento panoramico sulla vallata. Interessante la Chiesa parrocchiale di Sant'Anna risalente al ‘500 e restaurata successivamente dall’ingegner Pante nel 1800.

Patrimonio naturalistico di rara bellezza nel territorio di San Pietro è la Val Visdende, situata poco dopo il borgo di Presenaio, nelle vicinanze della miniera di Salafossa e a confine con l’Austria e il Monte Peralba: una delle valli più suggestive delle Dolomiti ove il panorama mozzafiato si apre verso i monti che segnano il confine con il territorio austriaco.
 

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!

San Pietro di Cadore

San Pietro di Cadore Palazzo Poli

Il comune di San Pietro di Cadore sorge a 1038 m di altitudine tra Santo Stefano di Cadore, San Nicolò Comelico e Austria, circondato dalle vette del Monte Terza Piccola, del Monte Curie, del Monte Zovo e del Peralba, ove sgorga il fiume Piave.
Suddiviso in quattro principali frazioni (Mare, Valle, Presenaio e Costalta), era in passato denominato Colle, probabilmente perché collocato su di un territorio collinare, oppure Oltrerino in quanto sede del Centenaro dell'Oltrerino, a significare che si trova oltre il rio, il Piave di Visdende detto anche Cordevole.

Ospita una delle più belle ville del Cadore e della provincia di Belluno, Villa Poli de Pol, appartenente all’omonima famiglia che la fece costruire nel XVII secolo, attualmente sede del Municipio ove si può trovare un bel ciclo di affreschi di Girolamo Pellegrini. Altra attrattiva è l’antichissima Chiesa di S. Pietro Apostolo, in stile gotico e risalente al ‘200.
Nella piccola frazione di Valle, distrutta da un incendio nel 1869 e in seguito ricostruita, merita una visita la chiesetta di S. Pietro, mentre a Presenaio, situato lungo la strada verso Sappada, è situata la graziosa chiesetta quattrocentesca di S. Volfango o S.Bolfo e vi si possono trovare interessanti testimonianze delle attività minerarie del passato.
Il paese di Costalta, il paese di legno, è collocato alle pendici di una montagna, più a nord rispetto alle altre frazioni, in un piccolo terrazzamento panoramico sulla vallata. Interessante la Chiesa parrocchiale di Sant'Anna risalente al ‘500 e restaurata successivamente dall’ingegner Pante nel 1800.

Patrimonio naturalistico di rara bellezza nel territorio di San Pietro è la Val Visdende, situata poco dopo il borgo di Presenaio, nelle vicinanze della miniera di Salafossa e a confine con l’Austria e il Monte Peralba: una delle valli più suggestive delle Dolomiti ove il panorama mozzafiato si apre verso i monti che segnano il confine con il territorio austriaco.