Questo sito utilizza i cookies: per ulteriori informazioni accedi alla pagina Privacy

   

Sospirolo

Sospirolo storicamente ha origini antichissime. Tracce di oggetti dell'età del bronzo sono state rinvenute in Val Falcina, mentre la presenza umana in epoca romana è documentata in tutto il territorio da numerosi ritrovamenti.

La zona è costellata da peculiari borghi come quello di San Gottardo dove spicca la chiesa dedicata al santo, da sempre molto venerata dai pellegrini e viandanti che passavano lungo la Via degli Ospizi. Questo itinerario, oggi nuovamente percorribile a piedi o in mountain bike, parte dalle Miniere di Valle Imperina lungo il fiume Cordevole alle porte l’Agordino, fino a raggiungere la Certosa di Vedana sorta in località Masiere attorno alla metà del XII secolo sul luogo dell’antico Ospizio di San Marco, dove nacque lo scienziato ed esploratore Girolamo Segato, famoso per aver scoperto il metodo di pietrificazione dei corpi.

Dal punto di vista naturalistico e paesaggistico, il territorio di Sospirolo presenta a nord i contrafforti del gruppo del Pizzocco e la Valle del Mis che con l'omonimo torrente ed il lago sono meta interessante per escursioni e momenti di relax; qui 15 profonde cavità scavate dalle acque del torrente Brentòn, chiamate Cadini, stupiscono per la bellezza dei colori e la perfezione delle forme e sono collocate nel cuore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. A est, si ergono maestosi i bastioni e le cime del vasto gruppo dei Monti del Sole, alcune oltre i 2000 metri, che dividono verso settentrione il territorio sospirolese dall'Agordino.

Numerose le chiese che punteggiano il territorio, partendo dall’arcipretale dedicata ai santi Pietro e Paolo che domina l’abitato, fino alle più piccole che raccolgono molti tesori d’arte.
La posizione aperta e soleggiata dei colli che degradano verso la montagna nel territorio di Sospirolo ha favorito la costruzione di alcune residenze signorili, come la settecentesca Villa Sandi-Zasso a Moldoi, Villa Doriguzzi-Bacchetti a Oregne e Villa Agosti-Miari a Susin.
 

Socio Fondatore

DE EN

Heart Cart Newsletter Go Search

Carrello

Newsletter

Iscrizione

Per iscriverti alla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Cancellazione

Per cancellarti dalla newsletter inserisci il tuo indirizzo email

Accedi

Per accedere inserisci la e-mail e la password che hai utilizzato per registrarti su infodolomiti.it
Recupero o modifica password?

Prima volta su infodolomiti.it?

Inizia ora. È facile e veloce!
Cadini del Brenton (foto De Poli & Cometto)
Candaten (foto Marta Azzalini)
Lago di Vedana (foto Scussel)
Ninfea Alba (foto Mario Mastelli)
Ninfea Alba (foto Mario Mastelli)
Veduta di Villa Sandi Zasso dall'ingresso
Villa Sandi Zasso, scalita con dalie
Lago del Mis (foto F. Bachetti)
In canoa sul Cordevole
Certosa di Vedana (foto A. Casanova)
Veduta dall'alto della Certosa di Vedana
Chiesetta di San Gottardo (foto Marco Zucco)
Cascata della Soffia (foto Studio F8)
Lago del Mis (foto Studio F8)
Pausa vicino al Lago del Mis (foto De Poli & Cometto)

Sospirolo

Veduta dall'alto della Certosa di Vedana

Sospirolo storicamente ha origini antichissime. Tracce di oggetti dell'età del bronzo sono state rinvenute in Val Falcina, mentre la presenza umana in epoca romana è documentata in tutto il territorio da numerosi ritrovamenti.

La zona è costellata da peculiari borghi come quello di San Gottardo dove spicca la chiesa dedicata al santo, da sempre molto venerata dai pellegrini e viandanti che passavano lungo la Via degli Ospizi. Questo itinerario, oggi nuovamente percorribile a piedi o in mountain bike, parte dalle Miniere di Valle Imperina lungo il fiume Cordevole alle porte l’Agordino, fino a raggiungere la Certosa di Vedana sorta in località Masiere attorno alla metà del XII secolo sul luogo dell’antico Ospizio di San Marco, dove nacque lo scienziato ed esploratore Girolamo Segato, famoso per aver scoperto il metodo di pietrificazione dei corpi.

Dal punto di vista naturalistico e paesaggistico, il territorio di Sospirolo presenta a nord i contrafforti del gruppo del Pizzocco e la Valle del Mis che con l'omonimo torrente ed il lago sono meta interessante per escursioni e momenti di relax; qui 15 profonde cavità scavate dalle acque del torrente Brentòn, chiamate Cadini, stupiscono per la bellezza dei colori e la perfezione delle forme e sono collocate nel cuore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. A est, si ergono maestosi i bastioni e le cime del vasto gruppo dei Monti del Sole, alcune oltre i 2000 metri, che dividono verso settentrione il territorio sospirolese dall'Agordino.

Numerose le chiese che punteggiano il territorio, partendo dall’arcipretale dedicata ai santi Pietro e Paolo che domina l’abitato, fino alle più piccole che raccolgono molti tesori d’arte.
La posizione aperta e soleggiata dei colli che degradano verso la montagna nel territorio di Sospirolo ha favorito la costruzione di alcune residenze signorili, come la settecentesca Villa Sandi-Zasso a Moldoi, Villa Doriguzzi-Bacchetti a Oregne e Villa Agosti-Miari a Susin.
 





Dormire e mangiare


Dolomiti da vedere