Voltago Agordino
Spigolo Nord del Monte Agner (foto F8)

Voltago Agordino, assieme a Rivamonte e alle relative frazioni, è il secondo paese del Poi, come localmente viene definita la zona alta della destra orografica della valle del Cordevole in prossimità della cittadina di Agordo.

Voltago è situato in una bella posizione panoramica e conta tra le sue frazioni la località di Frassenè, importante sotto l’aspetto turistico fin da inizio Novecento.

La bellezza di questi luoghi è dovuta sicuramente al panorama offerto da alcune tra le più belle cime dolomitiche come l’Agnèr, che qui si può ammirare in tutta la sua bellezza, e dalla possibilità di passeggiate ed escursioni, in particolare verso la Malga Losch e il Rifugio Scarpa-Gurekian. Enrico Scarpa fu un apprezzato pittore veneziano, che ristrutturò la baita già esistente in questa posizione rendendola agibile come proprio studio privato. Alla morte dell’artista la figlia trasformò lo studio nel primo rifugio-ristoro per alpinisti. Ohannes Gurekian, invece, fu un ingegnere armeno che, scampato al genocidio del suo popolo, arrivò a Frassenè innamorandosene e fondando la prima pro loco d’Italia. Divenne anche presidente della sezione CAI di Agordo e curò la progettazione di alcuni rifugi alpini e la ristrutturazione del Rifugio Scarpa.

Tra gli edifici degni di interesse la chiesa di Voltago dedicata ai Santi Martiri Vittore e Corona (fondata nel XIV secolo e divenuta parrocchiale nel 1784), la chiesetta della Beata Vergine di Lourdes in località Digoman e la parrocchiale di Frassenè dedicata a San Nicolò Vescovo, con il nuovo edificio costruito nel 1958 per sostituire quello più antico e consacrato dieci anni più tardi da Albino Luciano, futuro papa Giovanni Paolo I. 





Dormire e mangiare


Dolomiti da vedere

Home Page  |  Vivere le Dolomiti  |  I comuni  |  Voltago Agordino
scatta, posta e tagga
#infodolomiti