Museo civico storico territoriale

L’allestimento permanente del Museo civico storico territoriale propone reperti della Grande Guerra e della II Guerra Mondiale, insieme ad una sezione dedicata all’emigrazione e al lavoro in miniera.

Una parte delle raccolte narra la vita dei cosiddetti “recuperanti” che raccoglievano quel che la guerra aveva lasciato in grande quantità nei loro territori: materiali "nobili", quali il piombo, l'ottone e il rame, che venivano accatastati in luoghi di stoccaggio temporaneo per poi essere venduti.

Il museo si sviluppa in cinque sale espositive che presentano alcuni eventi della prima guerra mondiale in ordine cronologico.

La prima sala presenta un plastico del territorio e ad alcune fotografie; nelle vetrine sono raccolti alcuni degli strumenti utilizzati per aprire le vie di comunicazione nelle aree del conflitto.

Proseguendo lungo il percorso, una sezione è dedicata agli oggetti di uso comune nella vita di trincea. Una coppia di vetrine con elmi introduce nello spazio espositivo dedicato alle armi, sia bianche (spade, baionette, pugnali...) che da fuoco

Due postazioni multimediali presentano le immagini della guerra viste sia dalla parte degli italiani che degli austriaci. La sala conclusiva propone un insieme di foto e documenti che risalgono agli anni compresi tra il 1915 e il 1918.

Tutti i reperti conservati nel Museo provengono da depositi e donazioni di collezionisti privati che, riuniti in associazione di volontariato (associazione Amici del Museo), di fatto, gestiscono il museo, garantendone l'apertura, la manutenzione, le attività e la crescita.

Il museo può rappresentare il punto di partenza per escursioni a questi significativi campi di battaglia.



Orari e accessibilità

Orari di apertura:

  • domenica dalle ore 15,00 alle ore 19,00
  • altri giorni solo su prenotazione per gruppi e scolaresche
Indirizzo:

Via don Nilo Mondin, 1
32031 Alano di Piave loc. loc. Campo

Contatti
Home Page  |  Dolomiti da vedere  |  Musei e collezioni  |  Musei storici della guerra  |  Museo civico storico territoriale
scatta, posta e tagga
#infodolomiti