Parco Regionale delle Dolomiti d’Ampezzo

Il Parco Naturale delle Dolomiti d'Ampezzo si trova nel cuore delle Dolomiti Orientali ed è uno dei cinque Parchi Regionali del Veneto.

Quest'area protetta è stata istituita dalla Regione nel 1990 e data in gestione alla Comunanza delle Regole d'Ampezzo, dette anche Comunioni Familiari Montane, che rappresentano un'antica istituzione nata ai tempi in cui la valle d'Ampezzo fu colonizzata dai Celti e dai Romani. Esse erano costituite dalle famiglie originarie dell'Ampezzano e funzionavano come dei consorzi per un uso collettivo dei pascoli e delle foreste; è proprio grazie alla loro gestione se il patrimonio naturalistico di queste zone si è così ben preservato fino ai nostri giorni.

Il parco ha un'area di oltre 11.200 ettari e si estende a nord di Cortina d'Ampezzo fino al confine tra Veneto e Alto Adige. Esso inoltre confina col Parco Naturale Fanes - Senes - Braies col quale forma un'area omogenea dal punto di vista ambientale.
L'area comprende il Monte Cristallo, le Tofane, Cima Fanes, Col Bechei e la Croda Rossa d'Ampezzo, gruppi montuosi imponenti le cui cime più alte superano anche i 3.200 metri. Al suo interno sono state individuate nove riserve integrali e undici orientate, tanto che la Comunità Europea lo ha riconosciuto come sito di importanza comunitaria per il suo pregio e la sua integrità.

Il Parco Naturale delle Dolomiti d'Ampezzo è ricco di fonti d'acqua di grande interesse naturalistico. Sono infatti numerose le sorgenti d'alta quota, i laghetti alpini, i torrenti che nel tempo hanno scavato profonde forre nella roccia dolomitica. Inoltre, non si può non nominare le cascate formate dal Rio Fanes vicino a Fiames; uno spettacolo formato da tre salti dell'altezza di 50 metri ciascuno.Anche dal punto di vista geologico questo ambiente riveste un'importanza particolare. È infatti possibile osservare diverse formazioni rocciose che corrispondono ai vari stadi di erosione della Dolomia. Numerose sono anche le testimonianze fossili.
Ricchissimo anche il patrimonio floristico-vegetazionale e faunistico con la presenza, fra gli altri, di stambecchi, cervi, caprioli, aquile e marmotte.

Il parco è accessibile dal Passo Falzarego, dal Passo Tre Croci e dal valico Cimabanche, ma anche dalla Gran Munt de Fanes, dalla Capanna Alpina, dal Lago di Braies e da Pederu. Vi sono poi gli impianti di risalita del Lagazuoi, della Tofana e del Cristallo che, aperti anche d'estate, permettono degli ottimi avvicinamenti in quota. Infine, sulla strada di accesso a Malga Ra Stua, nel gruppo della Croda Rossa, è attivo un servizio pubblico di navetta.
All'interno del Parco è possibile cimentarsi in numerosi percorsi di trekking, otto vie ferrate e sei sentieri attrezzati. Inoltre sono attivi undici rifugi alpini in cui sarà possibile riposarsi e trovare ristoro.



Indirizzo:

Via del Parco, 1
32043 Cortina d'Ampezzo

Contatti
Home Page  |  Dolomiti da vedere  |  Parchi e riserve  |  Parco Regionale delle Dolomiti d’Ampezzo
scatta, posta e tagga
#infodolomiti