Olt de Val D’Arc
Olt de Val D’Arc

L’Olt de Val D’Arc (o Pont de Val d’Arch) è un arco naturale in roccia immerso nel bosco delle Prealpi Bellunesi. La sua formazione è dovuta all’erosione della roccia calcarea da parte dell’acqua piovana e ai conseguenti piccoli crolli nelle parti più deboli. Questo ponte naturale è molto raro nel suo genere e storicamente molto importante: fu oggetto di lunghe diatribe tra gli abitanti dei due comuni limitrofi, Mel e Miane, a seguito della donazione del Castello e del Contado di Zumelle al vescovo di Belluno da parte di Sofia Da Camino, contessa di Colfosco. Dal 1177, anno della donazione, numerosi furono i litigi e i tentativi di mediazione tra gli abitanti del posto. Tutte le trattative fallirono però fino al 1838, anno in cui si arrivò ad un accordo stabilendo proprio il Pont de Val d’Arch come confine tra i comuni di Mel (provincia di Belluno) e Miane (provincia di Treviso).

A ricordo di questo storico evento furono incise sulla roccia del ponte due effigi commemorative, una sul versante nord e una sul versante sud.



Home Page  |  Editoriale  |  Estate 2020  |  Olt de Val D’Arc
scatta, posta e tagga
#infodolomiti