Arabba
Arabba (archivio Arabba Fodom Turismo)

Neve perfetta su piste magnificamente battute, cielo azzurro, aria pulita e sole praticamente tutto l’anno, impianti di risalita ultramoderni che consentono di raggiungere alcune tra le zone più belle e panoramiche di tutta l’area sciistica e, non da ultimo, tanto divertimento ed esperienze uniche.

Questa è Arabba, centro turistico della Valle di Fodom, del comprensorio sciistico di Arabba–Marmolada, inserita nel celebre carosello Dolomiti SuperSki. “The place to ski”, ovvero una certezza. Sì, perché ad Arabba si scia per davvero e per tutta la stagione, dall’apertura alla chiusura impianti. Questo è il luogo ideale dove poter staccare la spina e mettersi alla prova sulle piste più belle, il punto di partenza per raggiungere le emozionanti discese fino a oltre 2.500 metri: un vero paradiso per gli sciatori, oltre che un autentico posto accessibile anche da chi non scia, per godersi lo spettacolo unico del massiccio del Sella e del ghiacciaio della Marmolada.

Ad Arabba ci sono piste lunghe e tecniche; le “nere” da non perdere sono sicuramente la Fodoma, la Ornella, la Sourasass e la Burz, le prime tre sono interamente esposte a nord con tratti che superano il 70% di pendenza, ma non mancano ovviamente le piste rosse e blu altrettanto divertenti ed estremamente godibili dal punto di vista panoramico.

La ski area vanta moderni impianti di risalita e dislivelli oltre gli 800 metri: dai 1.602 metri di Arabba fino ai 2.239 metri di Passo Pordoi, passando per i 2.478 metri di Porta Vescovo ai 2.160 metri di Bec de Roces ai 2.088 metri del Cherz in uno scenario di rara bellezza che comprende due tra i più famosi e spettacolari itinerari sugli sci di tutte le Alpi: lo skitour della Grande Guerra, che ripercorre il fronte dolomitico lungo il quale si scontrarono nella Grande Guerra i Kaiserjäger austriaci e tedeschi da una parte e gli alpini italiani dall’altra, e la Sellaronda, il famoso “Giro dei 4 passi”, un vero must per gli amanti dello ski-in ski-out.

 



Home Page  |  Editoriale  |  Inverno 2020  |  Arabba
scatta, posta e tagga
#infodolomiti