Valbelluna
Feltre

La bellezza delle Dolomiti e della Valbelluna, la grande “conca” ai piedi delle meraviglie UNESCO abbracciata a nord dal Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi e chiusa verso sud dalle dolci Prealpi, brilla di luce bianca con l’arrivo della stagione fredda.

L’aria fresca e il gelo pungente che rinfrancano i polmoni e rigenerano la mente rappresentano solo l’impatto fisico di un’offerta  autentica ed appassionata che proviene dall’intero territorio e che vi scalderà l’anima!

Dai Monti del Sole alle Vette Feltrine, dalle Prealpi della “Sinistra Piave” ai due massicci del Nevegal e Monte Avena che ne “segnano” i due punti estremi,  la Valbelluna è una grande palestra a cielo aperto dove praticare gli sport invernali più amati, ma anche un luogo dove scoprire che la vacanza attiva in inverno non è solo sinonimo di sci!
Gli sconfinati boschi e le imperiose cime fanno da sfondo a caratteristici borghi e cittadelle ricche di arte, cultura e storia, ma anche anfiteatri di giocosi momenti di folklorici e tradizionali quali mercatini dell’artigianato e del gusto  tipico locale, simposi di scultura, fiere e festival di vario genere.
Basta un pizzico di neve, il giusto abbigliamento ed una bella giornata di sole – o una romantica e magica notte di luna piena - per indossare le ciaspole e trovarsi catapultati in un universo silenzioso e a puro contatto con la natura.

Lontani dal caos e dalla vita cittadina, i pendii si fanno rotondi e delicati, il rumore delle ciaspe che sprofondano sulla neve è l’unico suono che irrompe il silenzio oltre al battito del cuore.
La neve che brilla regala emozioni indimenticabili tra giochi di luce e scintillii, gli alberi addormentati sotto un pallido manto, sono gli unici silenti testimoni di questa meraviglia insieme a qualche nobile animale selvatico che frettolosamente ed un po’ incuriosito dall’umana presenza si fa intravedere.

Ogni giorno si trasforma in avventura, in Valbelluna, quando alla maestosità del bianco si aggiunge un pizzico di adrenalina ed un balzo all’infuori dalla classica routine!
Oltre alle salite verticali dedicate allo scialpinismo, gli incantevoli anelli da percorrere con gli sci di fondo, gli slittini e il divertimento garantito presso i poli invernali del pattinaggio, uno sguardo particolare alla montagna veneta, in inverno, può essere dato da una prospettiva più profonda e ricercata!

Le sinuose e scroscianti forre e i più bei canyon che regalano un attimo di fresco ristoratore – tra tuffi e zampillii - nelle calde estati, durante la stagione bianca, diventano cristalli luccicanti appesi all’ingiù.
Come in una maestosa cattedrale naturale, queste stalattiti diventano “complementi d’arredo” ad un monumento già prezioso di suo e ne ridisegnano le forme, che da arrotondate dalla corrosione dell’acqua si fanno più acute e pungenti.

La “Mecca” delle Dolomiti dell’ice climbing trova la sua sede in Valle del Mis, porta naturale del Parco; per le famiglie ed i meno esperti sono numerose però le cascate che ghiacciano e sono facili da raggiungere: dal Bus del Buson alla cascata di Cornolade, suggestivi paesaggi si trovano anche a Lamon, nei pressi della Diga del Senaiga o a Borgo Valbelluna, dove due tra i più famosi canyon accessibili senza troppe difficoltà sono quello dei Brent de L’Art e della Grotta Azzurra, arroccata nei pressi del medioevale Castello di Zumelle.

Nevegal e Monte Avena, oltre a delimitare in maniera naturale – rispettivamente a sud est e nord ovest – la conca della Valbelluna, sono due montagne facilmente raggiungibili e comode dalle città di Belluno, la capitale delle Dolomiti, e Feltre, denominata anche la  “piccola Venezia rupestre”.
Oltre 20 km di piste per lo sci alpino, 2 seggiovie, 3 skilift e 4 campi scuola sono i numeri che caratterizzano l’offerta invernale del comprensorio del Nevegal. A soli 15 km dall’uscita dell’Autostrada, questo massiccio presenta sia discese dedicate ai più esperti, con la possibilità di slittare sugli sci anche in notturna, che ampie aree dedicate a chi si trova alle prime armi con il mondo neve e desidera applicarsi per imparare la disciplina.

Le piste da sci del Monte Avena, invece, raggiungono i 1500 metri di quota e prevedono un innevamento programmato per dare agli amanti degli sport invernali un manto nevoso perfetto in oltre 10 km di piste dotate di 3 comodi skilift. Entrambi i comprensori si trovano in posizione panoramica sulla Valbelluna ed hanno tutto a portata di mano: aree gioco per i bambini, confortevoli chalet e rifugi per chi desidera una pausa fatta di sapori autentici e tranquillità o un momento di riposo al sole prima di ripartire per la discesa!



Home Page  |  Editoriale  |  Inverno 2020  |  Valbelluna
scatta, posta e tagga
#infodolomiti